La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 27 luglio 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Le bije di Farigliano in lizza per le “buone pratiche” patrimonio dell’Unesco

Il progetto giochi popolari attende ora il responso finale

La Guida - Le bije di Farigliano in lizza per le “buone pratiche” patrimonio dell’Unesco
Farigliano – Il tradizionale gioco delle “bije”, i birilli fariglianesi, entrano ufficialmente nella lista dei giochi popolazioni del “Tocatì”, candidati all’inserimento nel Registro delle “buone pratiche di salvaguardia” del patrimonio immateriale Unesco. Non vi è ancora la certezza che si arrivi realmente a raggiungere l’ambito riconoscimento ma il fatto dell’autorizzazione alla candidatura è sicuramente un’ottima soddisfazione per i giochi popolari ma soprattutto per le donne del paese, che per tradizione sono le uniche a detenere la sfida in questo particolare ambito. A rappresentare tutta la comunità composta da più di 50 giocatrici appassionate è Giancarlo Tavella. L’ex sindaco di Farigliano, da più di tre anni, nel dedicarsi all’iniziativa ha messo in piedi l’Associazione “Birilli di Farigliano – Gioco delle Bije”. “Il nostro è uno dei pochissimi giochi con vincolo di genere esistenti – dice Tavella – unico a livello italiano, non ne conosco altri ed è per questo che ottiene una visione particolare. L’attività risale al Medioevo, intorno al 1300 durante il governo della Marchesa Isabella Doria. Siamo l’unica area italiana dove sono stati trovati giochi a livello esclusivo femminile poi si deve fare riferimento all’estero soprattutto in Spagna nella Catalogna, nella fascia Nord-Atlantica, nell’Aragona vicino a Saragozza dove si organizza un Festival dei Birilli tutto in rosa (Farigliano ha partecipato come unico rappresentante per l’Italia)”.
Tra gli Statuti comunali medioevali si faceva già cenno alle “bije” a cui ancora oggi le donne del posto sono legate.
Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente