La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 19 settembre 2020

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Coronavirus, per decidere su scuole e divieti si attende il Ministero della salute

L'ordinanza emanata domenica resta comunque in vigore in tutta la Regione fino a domenica 1° marzo. La proposta della Regione Piemonte: riaprire lunedì per una pulizia e disinfezione straordinaria e far ripartire la didattica già da mercoledì

La Guida - Coronavirus, per decidere su scuole e divieti si attende il Ministero della salute

Torino – Ritornare alla normalità ma in maniera graduale, con cautela e mantenendo alta l’attenzione. Questo l’obiettivo condiviso oggi in Regione Piemonte nell’ambito del tavolo di lavoro a cui erano presenti i presidenti delle province piemontesi, i sindaci dei Comuni capoluogo della Regione, i prefetti e il presidente della Regione Alberto Cirio. Nessuna decisione sembra al momento essere definitiva né per quanto riguarda la chiusura delle scuole né per i divieti e le misure di contenimento del coronavirus “Covid19” che resteranno comunque in vigore fino a domenica 1° marzo (anche se l’ordinanza regionale emanata domenica scorsa imponeva limitazioni e chiusure fino a sabato 29 questa è stata estesa a domenica 1° marzo dal decreto della presidenza). Il tavolo ha deciso di attenersi alle decisioni del Ministero della salute al quale è stato chiesto di dare una risposta entro domani (venerdì 28) in modo da non lasciare le famiglie ulteriormente in sospeso.

La proposta della Regione
Riaprire le scuole da lunedì per avviare una pulizia e disinfezione straordinaria. Così da metà settimana, mercoledì, potrebbe ripartire la didattica. Attenuazioni dei provvedimenti saranno previste per messe, poi riaperture graduali per cinema, teatri e musei. È quanto chiederà il presidente della Regione Alberto Cirio domani, venerdì 28 febbraio, al ministro Roberto Speranza.

Per saperne di più leggi qui: https://www.laguida.it/2020/02/27/possibile-ritorno-a-scuola-da-mercoledi-4-marzo/ 

La situazione in Piemonte
In provincia di Cuneo non risultano casi accertati di persone positive al “Covid19”. Una seconda persona, sempre appartenente alla prima comitiva astigiana ospitata all’hotel di Alassio dal 4 al 18 febbraio, è risultata positiva al test del coronavirus e si trova attualmente ricoverata in ospedale ad Asti. Il paziente rientra nella condizione di “caso probabile”, in attesa della convalida delle analisi da parte dell’Istituto superiore di Sanità. Al momento, dunque, in Piemonte risultano un caso accertato a Torino e cinque casi probabili (due ad Asti e tre a Novara).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente