La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 7 dicembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il pastello tra realtà e magia e la fusione delle ombre e delle luci

Paola Meineri Gazzola l'artista monregalese dagli inconfondibili pastelli

La Guida - Il pastello tra realtà e magia e la fusione delle ombre e delle luci

Paola Meineri Gazzola è nata a Mondovì, vive e lavora a Cuneo. È stata docente di disegno e discipline artistiche in scuole medie e superiori a Cuneo. Si è dedicata da sempre alla pittura, in particolare specializzandosi nella tecnica del pastello soffice, che pratica da più di trent’anni, ottenendo apprezzamenti di pubblico e di critica. Ha esposto in mostre personali in Italia, Francia, Stati Uniti e Russia (a Mosca, Jaroslav, Uglich, San Pietroburgo) e partecipato ad importanti rassegne nazionali ed internazionali, ottenendo significativi premi e riconoscimenti. Nominata vice presidente dell’associazione “Pastelli Italiani”, ha partecipato a “Euro pastello” (2002-2003), ”Sant’Anastasia” (dal 2005 al 2007), alle Biennali del Pastello in Polonia dal 2006 al 2010 e all’Incontro Italo-Russo sul pastello dal 2011 al 2013.

Il suo stile è caratterizzato dal figurativo all’astratto, utilizzando colori primari e secondari con predominanza fredda. I soggetti prevalenti sono atmosfere soffuse, immagini naturalistiche, forme dinamiche, circolari e spiraliformi, dolci paesaggi collinari, vivaci scorci urbani, agresti composizioni floreali, ma anche rinnova, rielabora, trasfigura oggetti, particolari, visioni della sua quotidianità in una dimensione spesso surreale e magica. E così i colori giocano un ruolo importante: “E il bianco diafano – dice Concetta Stuppia – di un soffione sullo sfondo verdone di una foglia di tarassaco, richiama alla memoria il perduto incanto infantile che, come per magia faceva disperdere con un soffio i sogni, illusioni, paure. E il rosso sangue di un geranio, sullo sfondo grigiastro di un balconcino sgretolato, illumina un angolo buio di Cuneo vecchia, la dove nell’ acciottolato sconnesso, testardamente un girasole trova la forza di spuntare. Le linee si sono rarefatte il disegno è allusivo, i colori, sognanti, dolci colori pastello, sembrano sciolti, fusi, stemprati in verdi celesti e rossi porporini, sempre più indefiniti, sempre più indeterminati”

“Inconfondibili, oggi, i suoi pastelli – scrive il pittore e critico Ezio Briatore -. Il mezzo è padroneggiato con mano esperta: le caratteristiche della matita a colori, duttilità, vaporosità degli impasti, delicatezza (non per nulla in occasione di tinte particolarmente contenute si parla di toni pastellati), compenetrazione cromatica, sfumati, permettono, grazie anche al diverso corpo delle carte, elaborazioni infinite, toni, mezzi toni, 1ontananze, luminescenze. Quasi un andamento musicale. 
Nelle mostre più recenti, l’attenzione della pittrice si è rivolta prevalentemente ai fiori: nulla più di questi “modelli” si adatta al pastello, che li immerge in sfumati essenziali e luminosi, nel caratteristico pulviscolo del mezzo. Anche nell’affrontare il paesaggio stempera gli spunti di più intenso colore in un’atmosfera variegata, giocata con perizia sull’armonica fusione delle ombre e delle luci”.

“Nelle opere di Paola Meineri Gazzola . continua Giovanni Griseri – la luce e il colore fanno scaturire fiori e paesaggi e danno ad essi vita, atmosfera, respiro: luce e colore, qualità preminenti dell’ artista, che, con spirito creativo sa rendere palpitante e poetico ogni soggetto, in ogni giorno e stagione del1’anno. Nei delicati pastelli della valente pittrice vi è autentica poesia; in essi la natura emana con tutta la sua bellezza, tutto il suo diffuso splendore. Ed è con grande merito che Paola Meineri Gazzola sa cogliere questi aspetti essenziali che troppo spesso sfuggono al nostro sguardo ”
È socia del” Piemonte Artistico e  Culturale”,   della Società Promotrice delle  Belle Arti di Torino e socia dell’associazione Magau di Cuneo.

Alcune delle ultime opere di Paola Meineri Gazzola sono visitabili a Bene Vagienna fino al 26 dicembre nella Cella della Torre Campanaria della Parrocchiale nella mostra dal titolo “Impressioni”, aperta nei giorni festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 3018.

 

 

Paola Meineri Gazzola ” flussi migratori” 2016 (64×50) Pastello soffice su cartoncino

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente