La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 28 settembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Al Piemonte 25 milioni in meno per la sanità

Già in difficoltà e sotto controllo, la sanità piemontese perde una fetta del riparto del fondo nazionale

La Guida - Al Piemonte 25 milioni in meno per la sanità

Cuneo – 25 milioni in meno al Piemonte sul fronte sanità. La debolezza “sanitaria” del Piemonte si conferma anche nel riparto dei fondi nazionali decisi tra Stato e Regioni. La scelta nel riparto del fondo nazionale è stata quella di favorire le regioni con popoazione più giovane ed essendo il Piemonte una delle regioni più vecchie d’Italia sono andati 25 milioni in meno.
Una scelta che complica la già difficole situazione di un Piemonte i cui conti della spesa sanitaria sono al limite del commissariamento e tenuti ben d’occhio dal governo centrale.

Il fondo nazionale è di 124 miliardi di euro di cui 117 devono essere suddivisi tra le varie regioni. Una delle richieste era quella di porre maggiore attenzione del riparto alle regioni più colpite dal Covid. Ma i criteri di riparto sono stati quelli in discussione: fino ad oggi la stragrande maggioranza delle risorse da ripartire è distribuita sulla base della popolazione e della frequenza dei consumi per età, dunque per cosiddetti consumi storici. Il fabbisogno “standard” è ripartito secondo i quattro criteri di: popolazione residente, “frequenza dei consumi sanitari per età”, tassi di mortalità degli under 75 e “indicatori relativi a particolari situazioni territoriali ritenuti utili al fine di definire i bisogni sanitari delle Regioni” in particolare, l’“incidenza della povertà relativa individuale”, livello di bassa scolarizzazione e tasso di disoccupazione. Ed è il rappoorto tra fabbisogni standrd e consumi stporici che è stato a lungo discusso e che ha portato alle nuove cifre.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente