La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 28 settembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Gli incomprensibili orari di Trenitalia per la Valle Vermenagna”

Il gruppo Oltre: "È davvero sconcertante il modo in cui viene gestito il servizio di trasporto in Valle Vermenagna. Scelte incomprensibili, ma che rendono evidente la trascuratezza di cui è vittima un servizio pubblico che invece dovrebbe essere sempre più fondamentale"

La Guida - “Gli incomprensibili orari di Trenitalia per la Valle Vermenagna”

Vernante – L’associazione Gruppo Oltre di Vernante contesta con un comunicato stampa la gestione del servizio di trasporto pubblico in Valle Vermenagna.

“È davvero sconcertante – scrivono i responsabili dell’associazione – il modo in cui viene gestito il servizio di trasporto nella Valle Vermenagna. Le vicende del treno dei pendolari ne sono un esempio significativo. Fino all’anno scorso da Limone scendeva una corsa con partenza alle 7.30. Una delle più utilizzate dai pendolari. 40 persone secondo le affermazioni dell’assessore regionale Gabusi in risposta ad una interrogazione. Come possa dare questo dato è difficile saperlo, considerato che il controllo dei biglietti sulla linea è diventata un evento raro e che non sono attivi altri sistemi di conteggio dei passeggeri. L’impressione è che il numero fosse più alto”.

“Con il nuovo orario dal dicembre scorso il treno è stato cancellato. Di fronte alle proteste si è cercato di correre ai ripari con un bus sostitutivo. Il numero degli utenti si è praticamente dimezzato, anche perché il bus non era in grado di arrivare in tempo per la coincidenza a Fossano.  E forse anche per il modo in cui è gestito il servizio con autisti che a volte partono in anticipo o non conoscono la strada o guidano in modo poco adatto a chi può patire il viaggio in bus. Qualche mese fa, di fronte alle richieste dei genitori degli studenti delle scuole superiori di Limone, secondo i quali il treno usato dai loro figli arrivava troppo presto a Cuneo (7.19), l’assessore si era generosamente lanciato nella promessa di aggiungere un bus sostitutivo. Promessa mantenuta. Ma non si tratta di un’aggiunta. Il bus delle 7.30 è stato anticipato di 25 minuti. Il guaio è che arriva a Cuneo alle 7.50. Troppo tardi per permettere agli studenti di fare il loro ingresso a scuola in tempo. Ad eccezione di coloro che frequentano il liceo. Chi ha progettato gli orari, convinto che folle di viaggiatori avrebbero usufruito del servizio, ha pensato bene di far viaggiare addirittura due bus, uno dietro l’altro. Così il primo bus viaggia con una decina di persone (perché altri pendolari hanno rinunciato a usare il mezzo pubblico) e il secondo completamente vuoto. Come sempre avviene in queste occasioni nessuno avviso è stato apposto nelle stazioni della valle. In quella di Vernante il monitor continua ad essere inattivo dopo mesi dalla riapertura. Le corse sospese durante la pandemia non sono mai state riattivate. L’ultimo treno che sale da Cuneo la domenica è alle 15.50. Scelte davvero incomprensibili, ma che rendono evidente la trascuratezza di cui è vittima un servizio pubblico che invece dovrebbe essere sempre più fondamentale”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente