La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 10 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Siccità, Cirio chiede a Draghi lo stato di emergenza

L'obiettivo è portare in Regione 121 milioni di euro per realizzare 250 interventi nelle zone colpite, tra cui anche la Granda

La Guida - Siccità, Cirio chiede a Draghi lo stato di emergenza

Cuneo – A seguito dell’emergenza idrica nelle province del Piemonte, tra cui la Granda, il presidente della regione Alberto Cirio ha inviato una lettera a Mario Draghi e a Fabrizio Curcio, capo Dipartimento Protezione Civile, chiedendo il riconoscimento dello stato di emergenza. Secondo Cirio inoltre sarebbero 250 gli interventi necessari per fronteggiare la crisi, insieme a 800mila euro per i costi delle autobotti, 8 milioni di euro per interventi d’urgenza (che probabilmente verranno inseriti già nel decreto che sarà diffuso lunedì) e 112 milioni per opere strutturali da realizzarsi nel medio periodo. Scrive il presidente della Regione: “Dopo l’esperienza dell’evento alluvionale 2-3 ottobre 2020 (che colpì in particolare la zona di Limone Piemonte ndr) il Piemonte non ha più beneficiato di un apporto pluviometrico adeguato all’uso potabile e irriguo, se confrontato con i dati pluviometrici statistici storici, sui quali ci si è basati finora per il calcolo degli acquedotti e delle infrastrutture irrigue.”

Nella lettera si fa riferimento anche ai danni subiti dal settore agricolo, che nel cuneese sono stellari: “Anche su questo fronte” – afferma l’assessore alla Agricoltura Marco Protopapa – “auspichiamo presto un pronunciamento del Ministero per la richiesta della stato di calamità e le risorse a sostegno dei nostri imprenditori agricoli, anche rivolte agli investimenti che saranno necessari per una futura nuova gestione dell’acqua”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente