La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 3 dicembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La staffetta alpina da Demonte al Memoriale di Cuneo

Gli alpini hanno corso da Demonte a Cuneo per celebrare il centocinquantesimo anniversario del Corpo, incrociando i luoghi delle origini e quelli del presente

La Guida - La staffetta alpina da Demonte al Memoriale di Cuneo

Cuneo – Ieri, martedì 7 giugno, gli uomini e le donne del 2° reggimento Alpini della brigata Taurinense, hanno corso stamattina la seconda tappa della Staffetta Alpina, ideata per celebrare il centocinquantesimo anniversario del Corpo, incrociando i luoghi delle origini e quelli del presente, da Demonte a Cuneo.  Partiti  dal monumento ai caduti di tutte le guerre nel centro di Demonte, i corridori del Doi (così è soprannominato il reggimento di stanza a Cuneo) hanno attraversato boschi racchiusi dalle montagne, percorrendo la strada militare di sette chilometri che porta dritta a Borgo San Dalmazzo.
Il colonnello Giuseppe Sgueglia, comandante del Doi è passato da Borgo verso la caserma Ignazio Vian (medaglia d’oro della Resistenza), sede attuale del reggimento, dove ad aspettare i corridori (due uomini e due donne) c’erano trentaquattro ragazzi delle medie di Robilante, ospiti per un giorno degli Alpini cuneesi e testimoni della staffetta, ai quali è stata regalata una cartolina ricordo del 150° degli Alpini e del 70° della Taurinense.
Dal presente del reggimento – che oltre ad addestrarsi in montagna è oggi impegnato in Lettonia con la Natoe al fianco delle forze dell’ordine in Liguria nell’operazione Strade Sicure – lo sguardo della staffetta si è rivolto nuovamente alla storia, all’epopea della Divisione Cuneense, l’unità sacrificatasi sul fronte russo nel rigidissimo inverno 1942-43, perdendo il 90% dei suoi alpini, perlopiù reclutati nei mandamenti della Granda. La tappa si è chiusa infatti al Memoriale eretto alla stazione di Cuneo Gesso, con gli atleti che hanno fatto il loro ingresso sul piazzale della bandiera attesi da decine di studenti dell’Istituto Tecnico Sebastiano Grandis di Cuneo e dal vessillo della Sezione cuneese dell’Associazione Nazionale Alpini portato dal presidente Luciano Davico, presente insieme ai vessilli delle sezioni di Ceva e Mondovì.
A fare gli onori di casa Aldo Meinero, che è l’animatore del Memoriale e ha guidato la visita che studenti e corridori insieme hanno voluto fare al museo, posto ricco di storia e di umanità allestito all’interno della ex-stazione di Cuneo Gesso, da dove – giusto ottant’anni fa – partirono le tradotte verso il fronte orientale. Prima della visita, l’alzabandiera cantato dai giovani e il passaggio di consegne dal 2° Alpini al 1° Artiglieria da Montagna di Fossano, che oggi corre la terza tappa, con partenza dalla caserma Giuseppe Perotti (altro eroe della Resistenza), sede degli artiglieri, per poi passare dai genieri del 32°, nell’attigua caserma intitolata al generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, e infine iniziare il percorso verso Pinerolo, altra terra di alpini.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente