La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 10 dicembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Percosse ai danni di un amico: 10 mesi di reclusione

I fatti risalenti all'11 aprile 2021; condannato un uomo già titolare di una palestra a Borgo Gesso

La Guida - Percosse ai danni di un amico: 10 mesi di reclusione

Vinadio – L’amica che viaggiava in auto con loro si era spaventata perché il conducente andava troppo veloce sulla strada che dalle pozze di Vinadio conduce a Demonte, e aveva iniziato a piangere in preda ad attacchi di ansia. F.F., che viaggiava accanto all’amico al volante, si arrabbiò perché quello non accennava a rallentare, tirò il freno a mano e invitò l’amico a scendere per risolvere la situazione. Appena sceso dal veicolo S.C. venne raggiunto da un pugno all’occhio, e una volta a terra venne ancora picchiato. In auto la fidanzata della parte offesa stava intanto cercando si calmare l’amica in preda al pianto e nessuna delle due si era accorta dell’aggressione, “vidi solo F.F. con le mani sporche di sangue e poi il mio ragazzo a terra sanguinate; cacciammo F.F. e poi siamo scesi a Demonte dove abbiamo chiamato l’ambulanza”. Quel pugno in pieno volto costò a S.C. una prognosi di trenta giorni con una taglio sull’occhio che comportò diversi punti di sutura tolti dopo quindici giorni, “F.F. era un mio amico, aveva una palestra a Borgo Gesso ed era il mio personal trainer, eravamo in ottimi rapporti; quell’11 aprile del 2021 lo avevo invitato a casa mia a Demonte, ma da quel giorno non ci siamo più visti”. A conclusione dell’istruttoria il Pubblico Ministero  ha chiesto la condanna ad 1 anno per l’aggressore, già gravato da precedenti condanne per reati simili, “non c’era bisogno di arrabbiarsi in quel modo, ma ha seguito la sua indole che è descritta dai suoi numerosi precedenti”, ha concluso il Pubblico Ministero Raffaele Delpui. La difesa ha invece sottolineato come nessuna delle due ragazze rimaste in auto avesse assistito alla lite fra i due e che quindi non era possibile stabilire chi dei due avesse aggredito l’altro, “nonostante la sproporzione fisica tra i due – ha detto l’avvocato Ferrero – la parte offesa, che aveva visto come l’amico fosse arrabbiato, è scesa lo stesso all’auto, forse per un reciproco passaggio alle vie di fatto”. Il giudice ha accolto la richiesta dell’accusa, condannando l’uomo a 10 mesi di reclusione.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente