La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 6 febbraio 2023

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Occupazioni culturali” con Boarders nel quartiere Cuneo Centro

Sabato 28 maggio dalle 15 alle 19 in via Silvio Pellico la festa conclusiva del percorso che tra aprile e maggio ha portato nell'area tra corso Giolitti e corso Dante tante iniziative

La Guida - “Occupazioni culturali” con Boarders nel quartiere Cuneo Centro

Cuneo  Si concluderà sabato 28 maggio, dalle ore 15 alle 19, in via Silvio Pellico, “Boarders – occupazioni culturali nel quartiere Cuneo Centro”, il percorso che, tra aprile e maggio, ha portato nell’area compresa tra corso Giolitti e corso Dante iniziative legate all’arte, al racconto, alla creatività. Tanti gli appuntamenti: la residenza artistica del fotografo cuneese Nicolò Filippo Rosso, tre laboratori di lettura per i più piccoli, due incontri di approfondimento, due laboratori artistici dedicati ai giovani a cura del Collettivo Franco. 

Questa la formula proposta dal progetto La Boa in collaborazione con l’Officina culturale Noau, in una zona della città in piena trasformazione. “La festa comincerà alle 15”, racconta Gianluca Olivero, referente del progetto La Boa Cuneo Centro, “con il Ludobus della cooperativa animazione Valdocco, che porterà in via Silvio Pellico giochi in legno da strada per tutte le età. Alle 16, Antonio Damasco, direttore della Rete italiana di cultura popolare presenterà il “Portale dei saperi”, uno strumento di creazione di comunità e di relazioni che, dalla prossima settimana, sarà sperimentato sul quartiere Cuneo Centro. Alle 17.30 sarà inaugurata la mostra “Moving Boarders”: 11 fotografie scattate da Nicolò Filippo Rosso durante la residenza artistica nel quartiere, contenute all’interno delle strutture espositive realizzate dai giovani che hanno partecipato al laboratorio del collettivo Franco. La mostra sarà integrata da video, audio e immagini. Alle 18 la festa si concluderà con il concerto di musica occitana del duo QuBa Libre. Durante il pomeriggio”, conclude Olivero, “alcuni ristoranti e negozi del quartiere presenteranno assaggi di piatti tipici della cucina marocchina, albanese, sudamericana”. 

“In merito agli obiettivi che ci eravamo dati, siamo soddisfatti”, spiega Francesca Perlo, coordinatrice del progetto per l’Officina culturale Noau. “Lo scopo non era risolvere situazione, ma gettare sassi nello stagno, azioni anche piccole che smuovessero le acque, che facessero riflettere e spingessero le persone ad agire. Adesso comincia la sfida più grande, vedere se i semi del progetto hanno attecchito, se i cittadini porteranno avanti le azioni intraprese. Vedremo se i residenti utilizzeranno l’installazione”. 

 “Ho la sensazione che questo progetto abbia creato diversi stimoli che potranno dare frutti”, aggiunge Nicolo Filippo Rosso. “La cosa più bella, per me, è stata conoscere un ambiente nuovo, diverso da quello che ricordavo dagli anni del liceo. Ho scoperto nuovi punti di vista, conosciuto persone nuove. Il mio lavoro non ha la pretesa di essere esaustivo, ma sono disponibile a continuare il percorso, per raccontare i pezzi che mancano”.   

In occasione della festa conclusiva, il tratto di via Silvio Pellico compreso tra il Piazzale della Libertà e via Sebastiano Grandis sarà chiuso al traffico. In caso di pioggia, la festa verrà rimandata. Per info consultare il sito web e i canali social di La Boa Cuneo Centro.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente