La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 26 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

I cappelli storici dei Bersaglieri in mostra a Villa Oldofredi Tadini

Sotto un tiglio nel parco della dimora storica Cavour e La Marmora sancirono la partecipazione alla guerra di Crimea dove i bersaglieri si distinsero con onore

La Guida - I cappelli storici dei Bersaglieri in mostra a Villa Oldofredi Tadini

Cuneo – Domenica 22 maggio si svolgerà la Giornata Nazionale delle Dimore Storiche che, giunta quest’anno alla 12ª edizione, ha inserito in calendario una dedica “speciale” al Raduno dei Bersaglieri in programma nella medesima giornata a Cuneo.
Sono 23 le dimore storiche di Piemonte e Valle d’Aosta che domenica apriranno gratuitamente al pubblico (alcune con prenotazione obbligatoria seguendo le indicazioni riportate al link) e tra queste anche Villa Oldofredi Tadini.
In omaggio al Corpo istituito nel 1836 da Alessandro La Marmora, in occasione della Giornata Nazionale e del Raduno accoglierà alcuni cappelli storici dei bersaglieri della collezione personale di Lino Ravetto di Cuneo. Sarà anche occasione per ricordare un episodio del 1854 che lega la dimora ad un incontro segreto fra Cavour e l’allora ministro della guerra, Alfonso La Marmora, fratello di Alessandro, all’ombra di un secolare tiglio proprio nel giardino della Villa.  Un “summit” che sancì la partecipazione del Piemonte alla guerra di Crimea assegnando il comando delle truppe piemontesi allo stesso ministro artefice della battaglia della Cernaia, eroicamente combattuta proprio dai bersaglieri. Uno dei tanti episodi che Domenico Sanino, ora proprietario di Villa Tadini, nel 2010 ha descritto nel libro “Mimì ed Ercole Oldofredi Tadini: una vita per l’Italia”, (ed. L’Arciere Savigliano).
L’aspetto attuale della casa, nata in epoca mediovale come torre di osservazione e ampliata nel XVI secolo con un’ala residenziale, si deve ai pazienti restauri di inizio Ottocento in seguito ai danni causati dai francesi nel 1799 che decapitarono anche il conte Mocchia di San Michele (il cui fantasma, dice la leggenda, è tuttora presente nella dimora).
In cinque secoli di storia la villa non è mai stata venduta. Gli interni, dai soffitti affrescati, conservano mobili e cimeli del periodo risorgimentale. Importante la realizzazione della cappella nel 1763 che, grazie ad una particolare autorizzazione papale, divenne chiesa aperta al pubblico per favorire gli abitanti del circondario. Custodisce i documenti sulle Ostensioni della Sindone, un’urna con il saio del Beato Angelo Carletti, patrono di Cuneo, e una pregevole statua lignea settecentesca della Madonna.
Il giardino è uno dei più antichi di Cuneo, censito tra i parchi storici e botanici della Regione Piemonte, con piante centenarie e rarità botaniche, ancora leggibile l’originale impianto seicentesco alla francese, trasformato poi nell’Ottocento seguendo il gusto inglese.
Per la Giornata Nazionale di domenica 22 maggio non è richiesta la prenotazione, sarà possibile accedere liberamente al parco e visitarlo con orario 10-13 e 14,30 -18,30. Chi lo desidera potrà visitare la cappella e le sale interne con un contributo di 8 euro a persona (gratuito per i bambini). Esclusivamente su prenotazione, per gruppi di massimo 15 persone (info da venerdì 20 maggio chiamando il numero 335-5640248).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente