La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 26 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Porta via il tablet al tassista per non pagare, condannato

Due giovani coinvolti dopo una corsa da Cuneo a Boves, uno ha risarcito il conducente e l'altro è stato individuato e condannato

La Guida - Porta via il tablet al tassista per non pagare, condannato

Boves – Aveva effettuato quella corsa portando i due clienti dal “mercato delle uve” di Cuneo fino a Boves, ma al momento di pagare uno dei due clienti aveva strappato il tablet dal caricabatterie accanto al tassista e insieme all’altro se l’era data a gambe. Al tassista non era rimasto altro che denunciare il fatto accaduto intorno alla mezzanotte del 2 giugno 2019 e aspettare che la moderna tecnologia conducesse gli inquirenti ai due ladri. Grazie alla centrale radiotaxi, infatti, venne rintracciato il cellulare della persona che aveva prenotato il taxi, un giovane bovesano che, accusato di furto aggravato e insolvenza fraudolenta, aveva scelto il rito abbreviato e risarcito il tassista che aveva poi rimesso la querela. Per individuare l’altro passeggero invece è stato sufficiente seguire la traccia del Gps sul tablet in dotazione al taxi, che, come un piccolo Pollicino elettronico, aveva continuato a registrare gli spostamenti del tablet. A casa di J. M. i Carabinieri non trovarono il tablet, ma solo la sim poggiata in un posacenere. Il tassista aveva poi riconosciuto J. M. come il ragazzo che gli era seduto a fianco e che aveva rubato il tablet. Per il giovane bovesano accusato di furto con le aggravanti della violenza sulle cose, l’aver agito all’interno di un mezzo di trasporto e su cose esposte alla pubblica fede, l’accusa ha chiesto la condanna a due anni di reclusione e 1.000 euro di multa. Richiesta accolta dal giudice che ha condannato J. M. a otto mesi e 200 euro di multa.

Leggimi la notizia!
Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente