La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 30 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Regione, approvato il bilancio di previsione 2022-2024

I numeri del bilancio regionale prevedono entrate (e quindi uscite) in competenza sul 2022 per 19,905 miliardi di euro e 24,436 miliardi di cassa

La Guida - Regione, approvato il bilancio di previsione 2022-2024

Torino – E’ stato approvato a maggioranza (27 vori favorevoli e 15 contrari), dopo un lungo iter il Bilancio di Previsione 22/24 della Regione. Un Bilancio – come hanno ricordato il Presidente della Regione e l’Assessore al Bilancio – costruito sull’integrazione tra fondi di provenienza diversa, stato, regione, Europa e non imperniato sulla logica dei tagli. Un innovativo meccanismo che, seguendo i principi già enunciati in passato da questa Amministrazione, vuole usare i fondi Ue per pagare quello che oggi invece viene pagato dai piemontesi. Tutto questo con una logica che consente di liberare risorse per garantire e migliorare i servizi essenziali a favore dei piemontesi. Altro principio che ha ispirato la stesura del bilancio il contenimento dei costi, facendo scendere il disavanzo, senza naturalmente aumentare le tasse.

I numeri del Bilancio regionale prevedono Entrate (e di conseguenza uscite) in competenza sul 2022 per 19,905 miliardi di euro e 24,436 miliardi di cassa, mentre per l’esercizio 2023 vi sono entrate di competenza per 19,267 miliardi di euro e per l’esercizio 2024 sono previste entrate in competenza per 18,999 miliardi di euro. Si è fatto fronte a 545 milioni per la copertura dei mutui, mentre 238 milioni sono stati riservati al disavanzo e 25 milioni destinati a un fondo per i crediti di dubbia esigibilità. L’Ente – come ha ricordato l’Assessore al Bilancio – con un disavanzo di 5,58 miliardi ha di fatto una capacità di indebitamento pressoché nulla.

Ma nonostante questa difficoltà si è cercato di lavorare dando alcune prospettive – ha sottolineato l’assessore al Bilancio durante la discussione in consiglio – destinando risorse importanti a vari settori. Bando Coraggio 2,24 milioni (serie di iniziative tra cui Festival Economia e Autolook Week Torino e altre per rilanciare immagine del Piemonte) Lavoro e formazione 361 milioni (40 milioni destinati al Fondo Regionale per disabili, 14 per l’avvio delle Academy).Istruzione e diritto allo studio: 85 milioni (7,5 milioni per il funzionamento delle scuole dell’infanzia paritarie, 30,4 milioni per il diritto allo studio universitario, 4,5 milioni per il trasporto scolastico, 11,3 milioni per il voucher scuola). Politiche Sociali 181 milioni (7,2 milioni per l’assegnazione degli alloggi sociali, 2,5 milioni alle Aslo – Agenzie Sociali per la locazione -, 1 milione per progetti innovativi di accompagnamento ai minori con disabilità cognitive e intellettive). Sulla sanità destinati 12 milioni fondo regionale per la disabilità 9,5 per l’assistenza dei pazienti ex psichiatrici e 10 milioni per i servizi domiciliari per persone anziane non autosufficienti. Per gli Extralea 45 milioni. Tutela del territorio e dell’ambiente 187 milioni (20 milioni per il funzionamento dei parchi piemontesi, 9 milioni per sostenere le province e le funzioni loro conferite).

 

Sviluppo economico e competitività

189 milioni (25 milioni per le attività produttive compreso artigianato, 1,5 milioni internazionalizzazione delle imprese, 1,184 milioni risorse da destinare a favore iniziative nell’ambito delle botteghe dei servizi).

Trasporto e diritto alla mobilità

800.milioni.

Agricoltura e politiche agroalimentari

93 milioni.

Cultura 86 

milioni (9,8 milioni a sostegno di attività culturali, di spettacolo, del libro e della lettura).

Turismo 

38 milioni (5,5 milioni per la promozione turistica del Piemonte, 1,2 Voucher Turismo).

Politiche giovanili sport e tempo libero

25 milioni (1,2 milioni universiadi, 3,4 milioni per la promozione e diffusione attività sportiva, 4,3 milioni per la promozione di eventi turistico sportivi di carattere internazionale).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente