La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 10 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

È morto Antonio Pasero, l’ultimo “caviè” di Elva

Classe 1927, si è spento nella sua casa di Borgata Serre giovedì 14 aprile

La Guida - È morto Antonio Pasero, l’ultimo “caviè” di Elva

Antonio Pasero

Elva – Saranno celebrati domani, sabato 16 aprile, alle 15 nella chiesa parrocchiale di Elva, i funerali di Antonio Pasero, l’ultimo “caviè” di Elva.
Classe 1927, nato a Torino ma originario di Elva, malgrado un diploma di contabile in tasca Pasero dedicò la vita all’antico mestiere di raccoglitore di capelli, diffuso tra gli elvesi fino agli anni Cinquanta del Novecento. Per integrare la magra economia montana, infatti, nei secoli passati gli elvesi si erano inventati un’attività tanto inconsueta quanto geniale. “Lhi Pelassiers” (in occitano) o “caviè” (in piemontese) partivano dall’alta Valle Maira all’inizio dell’autunno, quando i lavori agricoli erano ormai terminati, e raggiungevano la Lombardia e il Veneto per acquistare i capelli dalle donne disposte a cederli in cambio di qualche lira o di un pezzo di stoffa. Terminata la raccolta, i “pelassiers” tornavano ad Elva, dove le chiome comprate venivano lavate, pettinate, suddivise per lunghezza e colore e poi rivendute in Europa e in America per il confezionamento delle parrucche indossate dai lord inglesi, dalle dame aristocratiche, dai magistrati, dalle attrici di cinema o teatro.
Ultimo testimone di quel mondo ormai lontano, Pasero è morto nella sua casa di Borgata Serre giovedì 14 aprile.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente