La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 9 dicembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Lagnasco ha intitolato una strada ai fratelli campioni Damilano

Su via Praetta gli sportivi olimpionici di Scarnafigi hanno perso litri di sudore e macinato migliaia di chilometri

La Guida - Lagnasco ha intitolato una strada ai fratelli campioni Damilano

Lagnasco – Il paese dei frutteti ora ha la “Strada dei campioni”. Il comitato organizzatore di Fruttinfiore, su spinta di Massimo Gallesio (appassionato di corsa in montagna) e di concerto con l’amministrazione comunale, ha dedicato via Praetta ai fratelli Damilano. Il 24 luglio 1980, allo Stadio Lenin di Mosca, il ventitreenne scarnafigese Maurizio Damilano conquistava la medaglia d’oro nella 20 Km di marcia dei Giochi della XX Olimpiade. Maurizio Damilano, insieme al gemello Giorgio e sotto la guida dell’altro fratello Sandro, hanno macinato chilometri e chilometri sull’asfalto di via Praetta. Nella semplice cerimonia di intitolazione della strada, i tre fratelli Damilano erano visibilmente commossi e in pochi minuti si sono ripercorsi anni di carriera sportiva e migliaia di chilometri di fatica e si è voluto sottolineare ancora una volta il grazie di Lagnasco ai fratelli Damilano, per aver fatto conoscere in tutto il mondo il nome di via Praetta.

“Una strada – ha detto Sandro – che mi è entrata nel cuore, terreno ideale per l’allenamento dei miei fratelli e di tutti i campioni che ho poi avuto l’onore di allenare”. Giorgio e Maurizio hanno invece voluto ricordare simpaticamente i litri di sudore che su via Praetta hanno perso, sotto il sole, sotto la pioggia e anche sotto il nevischio. Concludendo però che ne è valsa la pena e che anche per loro, via Praetta rappresenta un monumento imprescindibile nella costruzione della loro carriera sportiva. Sandro Damilano ha aggiunto che “ora cercherò di spiegare anche ai giovani atleti cinesi che finalmente hanno potuto tornare ad allenarsi sulle nostre strade cosa significa quel cartello con quelle foto, nella speranza di poter aggiungere titoli al palmares di via Praetta”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente