La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 30 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Il Pnrr deve cambiare: non è coesione mettere i Comuni l’uno contro l’altro

A chiederlo è l'Uncem per evitare le sperequazioni anche a seguito del caso Elva e Ostana

La Guida - Il Pnrr deve cambiare: non è coesione mettere i Comuni l’uno contro l’altro

Cuneo – Non è solo la vicenda Elva e Ostana, con il Comune della valle Po che ha chiesto alla Regione l’accesso agli atti della Commissione tecnica che ha scelto il borgo in val Maira per il progetto del Pnrr. Ma è l’Uncem dei comuni montani che a distanza di quattro mesi dalla pubblicazione del dossier con tutte le schede del Pnrr per Comuni e Montagne, ad avanzare sempre più dubbi e a chidere che il Pnrr sia modificato.
“Il Pnrr deve cambiare – spiega Marco Bussone, presidente Uncem – ma non come dice qualcuno, cambiare per via di caro-energia o altre necessità che derivano dal complesso contesto nel quale cimuoviamo. Deve cambiare per evitare un tutti contro tutti pericoloso, come Uncem ripete da un anno. E per evitare di mandare i comuni in crash tra dieci bandi da cento pagine che al posto di generare coesione, contrappongono gli Enti come in lotterie. L’esempio del caotico bando borghi del Ministero della cultura è solo uno. Anche su scuole e asili si stanno facendo errori, finendo per penalizzare chi ne ha più bisogno. E premiando invece i migliori, che migliori sono già. O evitiamo di lasciare indietro qualcuno, o togliamo di mezzo le sperequazioni, altrimenti il rischio è che aumentino. In particolare tra aree urbane e aree montane, tra piccoli e grandi Comuni. E non va bene. I Comuni devono essere spinti a lavorare insieme, a costruire strategie e a pianificare insieme il futuro delle loro comunità. Altrimenti, se vincono solo alcuni, pochi, siamo, sono tutti perdenti”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente