La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 27 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Lite tra vicini di casa finita in tribunale

Gli agenti della Questura intervennero due volte in via Gobetti nella notte del 17 maggio 2019

La Guida - Lite tra vicini di casa finita in tribunale

Cuneo – “Un intervento piuttosto articolato”, questa la definizione dell’agente della Questura di Cuneo per descrivere la situazione che insieme al collega dovette affrontare nella notte del 17 maggio 2019, quando dalla centrale arrivò la richiesta di intervento in via Gobetti. Al piano ammezzato gli agenti trovarono il signor C.F. molto agitato e con un vistoso segno di arrossamento sulla guancia. L’uomo era in casa e raccontò di aver avuto una discussione con la vicina che abitava proprio di fronte a lui. Suonando all’appartamento della signora R.C.D.O., imputata di violazione di domicilio, furto e lesioni aggravate, gli agenti vennero accolti dalla donna che teneva in mano una bottiglia di birra: “Sembrava bevuta, l’alito era alcolico, alternava momenti di quiete a stati di agitazione e non era molto collaborativa”. Gli agenti cercarono di riportare la calma fra i due litiganti e dopo aver detto alla donna di restare in casa, dissero all’uomo cosa doveva fare in caso di denuncia e se avesse bisogno di cure mediche. L’uomo rispose che se la vicina si fosse comportata bene, lui non avrebbe denunciato e disse che non voleva assistenza sanitaria.
Dopo neanche due ore, la pattuglia ricevette dalla centrale operativa un’altra richiesta d’intervento in via Gobetti. “Questa volta il signor C.F. ci aspettava in strada – ha detto l’agente – a 200 metri da casa, aveva le pantofole ai piedi e ci raccontò che era dovuto scappare dalla finestra del bagno. Non notammo segni di lesioni, ma lui questa volta fece ricorso alle cure mediche con un referto di 5 giorni”.
Dopo averlo riaccompagnato a casa, gli agenti notarono che c’erano dei segni sulla porta di casa: “C’erano delle scalfitture di 8 centimetri fatte con oggetti acuminati”.
Il processo è stato rinviato al 5 luglio per ascoltare la parte offesa e per la conclusione dell’istruttoria.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente