La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 28 novembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Emergenza Ucraina, 13 i profughi ospitati in valle Stura

Si tratta di adulti e bambini ospitati presso privati, ma si ipotizza che nelle prossime settimane il flusso potrà aumentare. Prossimamente verranno segnalate le necessità materiali degli ospiti

La Guida - Emergenza Ucraina, 13 i profughi ospitati in valle Stura

Valle Stura – Nella serata di mercoledì 16 marzo si è riunito il Centro Operativo Intercomunale della Valle Stura allargato alle parrocchie e ai rappresentanti di alcune associazione ed enti attivi sul territorio della valle Stura (Sabrina Rocchia per l’Associazione Psicologi per i popoli Piemonte, Alberto Abello per il Comune di Gaiola, Maurizio Ramonda per il progetto S.A.I. e Giulia Manassero per lo CSAC). L’incontro ha voluto fare il punto della situazione in valle Stura e ipotizzare alcune misure che verranno attivate nel prossimo periodo. Attualmente sono presenti in valle 13 persone tra adulti e bambini, ospitati presso privati, ma si ipotizza che nelle prossime settimane il flusso potrà aumentare.

Nell’incontro si è evidenziato che al momento non si necessitano di ulteriori disponibilità abitative mentre nei prossimi giorni, a seguito di colloqui con le persone ospitate, verranno elencate le necessità materiali degli ospiti. Inoltre, l’Associazione Psicologi per i popoli Piemonte ha segnalato di essere attiva sul territorio ed è disponibile ad interventi a seguito di segnalazioni mentre il Progetto S.A.I. ha segnalato di essere all’opera per l’attivazione di un supporto di mediazione culturale e di formazione linguistica.

Si invitano tutti gli abitanti della Valle a fare riferimento alla propria Amministrazione Comunale per comunicare bisogni, problemi o disponibilità. Le Amministrazioni si interfacceranno con il Centro Operativo Intercomunale, il quale a sua volta coordinerà le azioni con i livelli di competenza (Prefettura, Regione Piemonte, ASL, Istituti scolastici, CSAC, ecc.).

Si ricorda infine che: 1. per i cittadini ucraini che arrivano sui territori e che hanno un’accoglienza presso cittadini e/o enti è necessario che l’ospitante trasmetta l’ospitalità entro 48 ore all’autorità locale di pubblica sicurezza (il Sindaco del Comune dove viene ospitata la persona). 2. Le ASL territorialmente competenti, opportunamente informate, provvederanno all’esecuzione dei test diagnostici nelle 48 ore dall’ingresso, laddove non avvenuta al momento dell’entrata nei confini Nazionali. 3. Entro 90 giorni i cittadini Ucraini dovranno recarsi in Questura per il rilascio del permesso di soggiorno “protezione temporanea”. Al momento Prefettura di Cuneo e Questura stanno precisando procedure e modalità di accesso che appena chiare saranno condivise.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente