La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 25 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cerca di comprare monete d’argento su Internet, ma viene truffato

Vittima del raggiro un cuneese, accusato di truffa un uomo residente a Catanzaro: 190 euro versati su una carta e venditore sparito

La Guida - Cerca di comprare monete d’argento su Internet, ma viene truffato
Cuneo – Aveva risposto a un’inserzione su E-bay che proponeva l’acquisto di 57 monete d’argento al prezzo di 190 euro, ma dopo aver eseguito il pagamento, dovette constatare di essere stato vittima di una truffa. Il fatto risale a dicembre 2018 e a spiegare al tribunale la truffa e come si è risaliti al presunto responsabile (A. C. residente a Catanzaro) è stato l’agente della Questura di Cuneo che svolse le indagini. Dopo aver preso contatto telefonico con l’inserzionista, la vittima del raggiro aveva eseguito il pagamento facendo una ricarica su una carta Postepay cui era stato allegato anche il codice fiscale dell’intestatario della carta, A. C. appunto, mentre il numero di telefono usato per la contrattazione era intestato a un cittadino extracomunitario, anche lui residente a Catanzaro. “Dopo aver eseguito il pagamento – ha riferito l’agente in aula – ha cercato di contattare il venditore, che però non rispondeva più al telefono e anche l’inserzione era sparita dal sito”. A seguito degli accertamenti, risultò che quel numero di telefono, quel codice fiscale e quella carta Postepay erano risultate oggetto di un altro procedimento da parte dei Carabinieri di Firenze, per una truffa eseguita con le stesse modalità. “Quella carta era molto movimentata – ha riferito l’agente in aula -, c’erano molti bonifici in entrata cui corrispondevano subito dopo prelievi per le stesse somme ricevute. Anche i 190 euro del denunciante erano stati prelevati circa due ore dopo essere stati ricevuti”. L’udienza è stata rinviata al 27 aprile per l’esame dell’imputato e per la sentenza (immagine generica).
Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente