La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 26 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Arrestati due coniugi per sfruttamento del lavoro, maltrattamenti e percosse

Santo Stefano Belbo, i due macedoni reclutavano lavoratori stranieri costringendoli a condizioni lavorative e di vita degradanti

La Guida - Arrestati due coniugi per sfruttamento del lavoro, maltrattamenti e percosse

Cuneo – I lavoratori, ogni giorno della settimana e senza riposo, erano costretti anche a turni massacranti di oltre 10 ore di lavoro continuative, non potevano allontanarsi autonomamente dal luogo di lavoro e subivano aggressioni fisiche o minacce quando qualcuno di loro provava a ribellarsi a tale situazione: per questo motivo i Carabinieri delle Compagnie di Alba e Canelli eì i Finanzieri del Gruppo di Bra, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione della custodia cautelare emessa dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Asti su richiesta della locale Procura della Repubblica,  arrestando due coniugi di 42 e 37 anni di origini macedoni, titolari di una cooperativa operante nella fornitura di forza lavoro in agricoltura per conto terzi. Per l’uomo si sono aperte quindi le porte del carcere, mentre per la moglie sono stati disposti gli arresti domiciliari.
Nel corso delle indagini – durate alcuni mesi, scaturite da una serie di denunce presentate da alcuni lavoratori agricoli ai Carabinieri della stazione di Santo Stefano Belbo e sviluppate, per gli aspetti economico-finanziari, dalla Guardia di Finanza braidese – sono stati raccolti diversi indizi di reità a carico degli indagati, secondo cui questi reclutavano manodopera straniera, principalmente di origine africana e balcanica, per occuparla nei lavori stagionali in vigna nelle zone a confine tra le Langhe e l’astigiano, ponendola in condizioni di pesante sfruttamento, collocando i braccianti in alloggi fatiscenti ai limiti dell’insalubre, non osservando le norme sulla sicurezza, costringendoli a condizioni lavorative e di vita degradanti e sfruttando economicamente il loro lavoro.
Entrambi dovranno difendersi dalle accuse di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, atti persecutori, maltrattamenti e percosse.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente