La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 27 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Andò in Comune positivo al Covid”, il sindaco di Venasca a processo

Il processo punterà a chiarire se Dovetta fosse effettivamente consapevole o meno di essere positivo. Il primo cittadino non aveva sintomi ma fu sottoposto a test fatto nell'ambito di un controllo di routine

La Guida - “Andò in Comune positivo al Covid”, il sindaco di Venasca a processo

Venasca – Ieri mattina, 24 febbraio, Silvano Dovetta, sindaco di Venasca, presidente dell’Unione montana valle Varaita e consigliere provinciale, era al Tribunale di Cuneo per rispondere all’accusa di violazione dell’obbligo di quarantena.

L’episodio contestato risale all’aprile 2020. Secondo la Procura il 15 del mese il primo cittadino partecipò ad una riunione in Municipio  nonostante fosse risultato positivo ad un test molecolare per il coronavirus. Test effettuato non per la presenza di sintomi, ma nell’ambito di un controllo di routine sul personale della casa di riposo Villa dei Tigli di Cavour della quale Dovetta è direttore.

Secondo l’avvocato difensore non ci fu nessun reato in quanto l’isolamento del suo assistito iniziò solamente il 18 aprile. A sostegno di questa tesi la testimonianza dell’allora segretaria comunale, Mariagrazia Manfredi, che ha dichiarato in aula che la comunicazione della positività del sindaco al virus arrivò solo il 17 aprile.

Alla riunione del 15 aprile, considerata urgente e quindi possibile nonostante i divieti in corso, c’era anche il vicesindaco Gianpiero Gianaria che, interrogato, ha spiegato che quel giorno in comune nessuno presentava sintomi e che furono rispettati tutti i protocolli anti contagio.

Il processo punterà a chiarire se Dovetta fosse effettivamente consapevole o meno di essere positivo al Covid al momento della riunione. La prossima udienza è fissata per l’8 settembre: si ascolterà un altro testimone e poi ci sarà la sentenza.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente