La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Venerdì 1 luglio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Evoluzione Cuneo cerca spazio nel dibattito cittadino

la lista chiede che si parli di programma più che di perimetri e di alleanze

La Guida - Evoluzione Cuneo cerca spazio nel dibattito cittadino

Cuneo – Evoluzione Cuneo la lista di Pietro Carluzzo interviene dopo la comunciazione della maggioranza di procedere compatta per il futuro del governo cittadino senza defezioni o spaccature ma anche senza allargamenti a nuove forze.
Così scrive Evoluzione Cuneo.

La maggioranza cittadina e l’opposizione di sinistra hanno voluto definire il perimetro dei propri schieramenti e delle rispettive alleanze.
Sarebbe ingeneroso pretendere abiure da chi siede nei banchi della maggioranza o in quelli dell’opposizione da un decennio o più: lo affermiamo con rispetto.
Quanto emerso finora è però una fotografia dello status quo ante, non la visione per il futuro.
La Costituente dei Beni Comuni ha bruciato i tempi, presentando una candidata di bandiera e dichiarando l’assoluta alternatività alle forze dell’attuale governo cittadino.
In maniera del tutto simmetrica, la maggioranza uscente ha rilasciato pochi giorni orsono un comunicato che si potrebbe riassumere con un: “siamo stati perfetti, avanti così!”.
È normale che una giunta a fine mandato rivendichi di aver ben lavorato. Ma un ciclo si è concluso e per avviarne un altro è indispensabile l’apertura al confronto. Siamo certi che chi si candiderà a governare la Città vorrà farlo in rappresentanza delle esigenze della cittadinanza e non soltanto “in memoria” della giunta passata!
D’altra parte, chi è all’opposizione lo è per definizione “in alternativa” alla maggioranza, ma quella attuale è una maggioranza uscente. Sarebbe un peccato che la Costituente si riducesse ad essere alternativa… al passato. Potrebbe essere giunto il momento di giudicare l’efficacia delle proprie battaglie, soppesare i risultati ottenuti, valutare altre strategie.
Dal canto nostro, siamo convinti che il futuro cittadino si debba disegnare raccogliendo ciò che è stato fatto finora di buono, senza aver paura di cambiare – in meglio – ciò che è possibile, giusto e necessario cambiare. Sfide nuove richiedono nuove persone, o quantomeno persone in grado di mettere in discussione alcuni equilibri consolidati ma non più attuali.
A scanso di equivoci: non pretendiamo di cambiare le teste altrui o di forzare matrimoni improbabili, né vogliamo indicare la strada a chi ha già esperienza. È tuttavia un segreto di Pulcinella che i blocchi contrapposti siano molto meno solidi di quanto non appaia. Noi ce ne siamo accorti, in maniera inequivocabile, nel corso dei tanti incontri e colloqui avuti negli ultimi mesi.
Più che di perimetri e di alleanze (o peggio, di veti su possibili alleati) è urgente ritrovarci per discutere, con franchezza, di un nuovo Piano Regolatore al servizio dei cittadini e dell’ambiente (al posto di tante varianti e qualche speculazione di troppo); del futuro della Sanità e della medicina territoriale; della riprogettazione della mobilità e dei trasporti; del supporto indispensabile alle attività produttive e al commercio.A noi pare che più che di una discussione sui pregi passati di maggioranza e opposizione, la Città abbia bisogno di intelligenze, di coraggio, di generosità.

Evoluzione Cuneo – Lista Civica

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente