La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 27 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Serve un intervento tra Governo, Anci, Coni e Regioni per salvare le piscine

La Regione annuncia un fondo d’emergenza regionale per aiutare il settore tra aumenti delle bollette e chiusure per Covid

La Guida - Serve un intervento tra Governo, Anci, Coni e Regioni per salvare le piscine
Cuneo -“Serve un intervento sinergico con il Governo, Anci e Coni e le Regioni. In Piemonte istituiremo un fondo d’emergenza regionale per aiutare il settore. Ne va del futuro di tante famiglie e dei nostri impianti sportivi”. Così ha detto Alberto Cirio, presidente della Regione Piemonte oggi durante la tavola rotonda organizzata dal Comitato regionale piemontese della Federazione Italiana Nuoto, nella giornata di chiusura delle piscine per protesta.
Il mondo degli impianti di nuoto dà lavoro a tantissime persone e che dopo le chiusure per Covid, le restrizioni ora viene ulteriormente colpito dai rincari che il costo dell’energia ha portato nelle bollette e nei costi di mantenimento, che per questi impianti sono estremamente elevati con le utenze che arrivano perfino al 40% delle spese complessive per garantirne il funzionamento.
“Lavoreremo insieme all’assessore allo Sport Fabrizio Ricca – ha detto Cirio –  per trovare tutte le strade possibili, sia a livello nazionale che regionale, per aiutare il comparto ad affrontare questa situazione. Da una parte sollecitando il Governo, affinché vengano stanziati dei ristori che tengano conto di questa criticità, e dall’altra sul nostro territorio istituendo un fondo di emergenza regionale che possa essere di supporto, anche coinvolgendo le grandi aziende produttrici di energia. Parallelamente, attraverso uno specifico ordine del giorno in Consiglio regionale ci attiveremo per una sinergia tra Governo, Regioni, Anci per gli Enti locali e Coni. Ne va del futuro e della vita di tante famiglie, ma anche del futuro dei nostri impianti che hanno bisogno di essere vissuti e di restare aperti, perché ancor peggio dell’usura del tempo c’è quella del non utilizzo”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente