La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 7 dicembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Riportare a regime le corse e i treni del pre-lockdown

A chiederlo il Pd provinciale: l'emergenza personale in isolamento non è già tale da giustificare continui tagli

La Guida - Riportare a regime le corse e i treni del pre-lockdown

Cuneo – Corse tagliate, treni ridotti. La situazione per pendolari e studenti rimane sempre difficile nonostante l’ondata Covid sia in diminuzione e le quarantene anche. Erano stati questi infatti i motivi che avevano indotto la Regione a tagli di corse, per mancanza del personale costretto a casa in isolamento e quarantene. Ad accorgersene anche il Pd provinciale che con una lettera chiede di ritornare alla normalità e soprattutto di riportare al centro il discorso sulla pianificazione della mobilità a livello regionale.

“Qualche tempo fa – scrive il Pd provinciale – avevamo sollevato dubbi sul taglio di molte corse di treni effettuato dalla Regione Piemonte, ci venne detto allora, per cause contingenti legate alla mancanza di personale per l’emergenza Covid. Abbiamo responsabilmente aspettato, abbiamo voluto dare credito agli amministratori regionali e non fare polemica sterile. Ma oggi i dubbi restano ed anzi vengono amplificati dalle scelte che continuano ad essere perpetrate “sulla pelle” di lavoratori e studenti pendolari. Oggi che la situazione quarantene è migliorata non ci sono motivazioni per continuare a tollerare questo pesante disservizio, che continua dalle cancellazioni dei treni del primo lockdown.
Il tutto avviene in un contesto allarmante di qualità dell’aria che ha indotto la Regione a bloccare il traffico di determinate categorie di veicoli aggravato da una condizione precaria e di ormai palese inadeguatezza della rete stradale della provincia Granda. Ci pare che sia ormai inevitabile una seria riflessione sulla mobilità che porti ad una pianificazione strategica ed integrata sia per ciò che riguarda lo spostamento di persone (privato e pubblico) che di merci”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente