La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Consegna una raccomandata e poi ripassa per farsela pagare: a processo

Nei guai un giovane addetto di una ditta di spedizioni, il fatto si verificò a metà novembre 2020

La Guida - Consegna una raccomandata e poi ripassa per farsela pagare: a processo

Cuneo – Doveva soltanto consegnare una raccomandata per conto della ditta di spedizioni per cui lavorava come fattorino, ma si sarebbe ripresentato a casa del destinatario della missiva per cercare di farsi consegnare i soldi della multa che quello doveva pagare. Il fatto si verificò a metà novembre 2020 e a raccontarlo sono stati l’agente della Questura, che indagò sull’episodio, e il titolare della ditta di spedizioni. “Ci chiamò il signore che aveva ricevuto la raccomandata – ha detto l’assistente capo della Questura – e ci raccontò che quel corriere si era ripresentato a casa sua il giorno dopo chiedendogli se aveva pagato la raccomandata, che era un bolletta telefonica. Ci disse che cercava di entrare in casa e gli faceva un mucchio di domande. Ci mostrò la raccomandata e noi andammo dal titolare della ditta che si trova a Cuneo”.
Anche il titolare ha confermato che quel suo dipendente, S. V., ora imputato per tentata violazione di domicilio e tentata truffa, era stato incaricato di consegnare quella raccomandata, ma che non aveva assolutamente il diritto di chiedere soldi. Il titolare ha anche confermato che il percorso della raccomandata era tracciato sul tablet aziendale che ogni dipendente aveva per controfirmare tutte le consegne effettuate. Ha aggiunto inoltre che il giorno in cui il fattorino si era ripresentato a casa della parte offesa non avrebbe dovuto passare in quella zona della città, essendogli stato assegnato un altro giro di consegne.
Non è stato possibile ascoltare la parte offesa, impedita dalle condizioni di salute a recarsi in tribunale, e per questo è stata chiesta l’acquisizione della sua denuncia, mentre la difesa ha chiesto un breve rinvio per verificare la possibilità di un risarcimento.
L’udienza è stata quindi rinviata all’8 febbraio.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente