La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 3 ottobre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La Baìo di Sampeyre quest’anno non si farà

Le bandiere non sono uscite, niente cortei festosi composti da soli uomini. La festa millenaria tornerà nel 2023 o fra cinque anni?

La Guida - La Baìo di Sampeyre quest’anno non si farà

Sampeyre – In questi tempi segnati dalla pandemìa, la tradizione è stata solo in parte rispettata. Gruppi di giovani, nel giorno dell’Epifania, sono usciti nelle borgate Calchesio, Villar e Becetto per chiedere la Baìo: dimostrazioni di un grande attaccamento alle tradizioni occitane e anche di un certo dispiacere per la decisione già presa di non fare quest’anno la Baìo. Poi le bandiere non sono uscite per cui la festa millenaria  non si farà. A Rore (dove numerosi sono i contagi) e a ‘Piasso’ giovani in strada a ‘chiedere Baìo’ non se se sono visti (qualcuno sostiene che nel capoluogo alcuni di loro sarebbero stati invitati con modi bruschi a non scendere in strada). A ottobre era già uscita la notizia che “la Baìo a febbraio non si farà, a causa delle norme per la pandemia”, dopo una riunione di carattere riservato degli Abà. Con avviso poi affisso sotto i portici del municipio. La Baìo è una delle più importanti feste tradizionali delle Alpi: le sue origini  risalgono a prima dell’anno 1000, quando squadre di saraceni, giunte in valle per saccheggiarla, vennero scacciate dalla popolazione locale (anche se non è un fatto storico provato che siano arrivati anche in valle Varaita). Oggi la Baìo è prima di tutto la grande festa della gente di Sampeyre, che segue antichi riti . Cinque i cortei festosi, dai magnifici costumi: sono quelli del capoluogo (‘Piasso’), di Villar, di Calchesio, di Rore e di Becetto. I personaggi dei cortei festosi sono solo uomini, che interpretano anche i ruoli femminili. Non è chiaro al momento quando la rievocazione storica (per diversi studiosi, è la più bella dell’intero arco alpino) sarà riproposta: nel 2023 o fra cinque anni?

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente