La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 8 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Vaccinazione obbligatoria per chi ha più di 50 anni

Green pass base anche per entrare da parrucchieri, barbieri, estetisti, uffici pubblici, Poste, banche; rafforzato in alberghi, centri congressi, impianti di sci, palestre, piscine...

La Guida - Vaccinazione obbligatoria per chi ha più di 50 anni

Cuneo – Obbligo vaccinale per tutti i cittadini, anche per gli stranieri che sono residenti in Italia, che hanno dai 50 anni in su. L’obbligo decorre subito e se non ci si vaccina entro il 1° febbraio scatta la sanzione. I lavoratori con un’età superiore ai 50 anni sono tenuti a immunizzarsi e devono avere il green pass rafforzato dal 15 febbraio.
È il punto principale del nuovo decreto del governo approvato dal consiglio dei ministri di ieri sera (mercoledì 5 gennaio), frutto di una mediazione tra le varie forze politiche: chi voleva l’obbligo vaccinale solo per gli over 60 (5 Stelle e Lega), chi per tutti (Pd, Italia Viva e Forza Italia) e chi non lo voleva per niente (Fratelli d’Italia).
Il governo ha anche introdotto l’obbligo vaccinale per il personale universitario, una misura che si aggiunge a quella che era già in vigore per il personale scolastico, per gli operatori sanitari, per gli uomini delle forze dell’ordine e per i lavoratori esterni che entrano nelle residenze per anziani.
L’obbligo di avere il Green pass base (che si può ottenere con la prima dose, con un tampone antigenico valido 48 ore o con un tampone molecolare valido 72 ore), già in vigore per tutti i lavoratori, viene esteso anche ai clienti dei seguenti esercizi: dal 20 gennaio per accedere in tutti i negozi che svolgono servizi alla persona (parrucchieri, barbieri, estetisti), dal 1° febbraio: uffici pubblici, servizi postali, bancari e finanziari, attività commerciali, fatte salve eccezioni che saranno individuate con un atto secondario per assicurare il soddisfacimento di esigenze essenziali e primarie della persona.
Saranno esclusi gli alimentari e le farmacie.
Dal 10 gennaio fino alla cessazione dello stato di emergenza (31 marzo) si amplia l’uso del green pass rafforzato alle seguenti attività: alberghi e strutture ricettive; feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose; sagre e fiere; centri congressi; servizi di ristorazione all’aperto; impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici; palestre, piscine, centri natatori, sport di squadra e i centri benessere ora anche all’aperto; centri culturali, centri sociali e ricreativi per le attività all’aperto; Aaerei, treni e navi; trasporto pubblico locale.
Chi ha più di 50 anni e viene sorpreso senza green pass rafforzato rischia 100 euro di multa. Chi viene sorpreso al lavoro senza green pass rischia una multa da 600 a 1.500 euro. Stessa sanzione anche per i lavoratori con più di 50 anni. Chi deve controllare i dipendenti e non ottempera a questa funzione rischia una multa da 400 a 1.000 euro. La stessa sanzione scatta anche per i clienti di servizi commerciali, bar e ristoranti, ma anche di luoghi dello spettacolo sorpresi senza green pass. Per i locali pubblici che non controllano la certificazione rafforzata, dopo tre sanzioni può scattare anche la chiusura fino a dieci giorni.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente