La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 19 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

La statua della Madonna di Dachau a Boves

La riproduzione realizzata da Aldo Pellegrino, esposta in San Bartolomeo

La Guida - La statua della Madonna di Dachau a Boves

Venerdì 31 dicembre alle 17 in San Bartolomeo verrà collocata la copia della statua della Madonna di Dachau. L’opera, realizzata dallo scultore bovesano Aldo Pellegrino, fino al 19 gennaio sarà posta accanto all’altare dei sacerdoti martiri don Giuseppe Bernardi e don Mario Ghibaudo.

Commissionata dall’Associazione Beato Giuseppe Girotti di Alba, rappresenta una riproduzione di una statua che, fortunosamente, era arrivata a Dachau nella baracca destinata ai preti e ai religiosi. Al termine del periodo indicato, la statua della Madonna sarà collocata presso la Chiesa di San Giuseppe ad Alba.

Proclamato Beato nel 2014, Girotti, originario di Alba, classe 1905, durante il secondo conflitto mondiale si impegnò per proteggere e mettere in salvo gli ebrei. Per questa ragione venne  trasferito nei lager di Gries e, infine, Dachau dove arrivò nell’ottobre 1944. Nel lager il sacerdote portò avanti la sua missione testimoniando la parola di Dio agli altri internati. Insieme con loro pregò una statua della Vergine alla quale venne attribuito il nome di Nostra Signora di Dachau. Il 1 aprile 1945, giorno di Pasqua, Girotti morì.

Il processo di canonizzazione prese il via nel 1988. Nella primavera del 2013 fu Papa Francesco ad autorizzare il decreto per la beatificazione avvenuta nel duomo di Alba il 26 aprile 2014. 

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente