La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 28 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Venti anni di Europa e di cultura del dialogo e dell’incontro

Il video di monsignor Aldo Giordano di un incontro al Centro Mariapoli di Villa Moffa a Bra

La Guida - Venti anni di Europa e di cultura del dialogo e dell’incontro

Cuneo – “Appresa la triste notizia della morte di S. E. Mons. Aldo Giordano, la Presidenza e il Segretariato del CCEE si stringono ai familiari di don Aldo e ai suoi collaboratori di Bruxelles e invocano il Signore della Vita perché accolga in Paradiso il suo servo fedele, uomo di dialogo e di pace. I vescovi europei e, in particolare, il Consiglio delle Conferenze Episcopali d’Europa, del quale mons. Giordano è stato segretario generale dal 1995 al 2008, hanno potuto conoscere la dedizione con cui ha servito la Chiesa e beneficiare della sua gioia e del suo impegno per l’evangelizzazione in tutto il continente europeo”.
Così scrive il Consiglio delle Conferenze episcopali europee dopo la notizia della morte  di monsignor Aldo Giordano. Prima come segretario generale del Consiglio delle Conferenze episcopali d’Europa a St. Gallen in Svizzera dal 1995, poi dal 2008 osservatore permanente della Santa Sede presso il Consiglio d’Europa di Strasburgo, don Aldo aveva nel cuore l’Europa.

Il 1° febbraio del 2014 qualche mese dopo l’ordinazione episcopale avvenuta a Cuneo delle mani di monsignor Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, che presiederà anche i funerali i domani, prima della partenza come nunzio a Caracas, monsignor Aldo Giordano, da sempre legato al Movimento dei Focolari di Chiara Lubich, tiene un incontro al Centro Mariapoli di Villa Moffa a Bra sulla sua “storia europea”, un continente per cui ha lavorato tanto nel costruire un’Europa nuova che lui credeva essere possibile grazie alla cultura del dialogo e dell’incontro.
“Anche la mia ordinazione a Cuneo – esordisce m0nsignor Aldo –  è stata un’esperienza europea, che io vivo fina dal 1995. A Cuneo sono arrivati i rappresentanti di 50 o 60 paesi d’Europa, tra vescovi, ambasciatori, parlamentari. In questi 20 anni in cui mi occupo di Europa le chiavi di lettura per capire una complessità sono sempre le stesse ma la differenza che le ho riempite di esperienza”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente