La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 18 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Statale 21, l’Unione Montana chiede l’istituzione di un tavolo di discussione col Ministero

Approvato un ordine del giorno che ribadisce la necessità di realizzare la Variante di Demonte e chiede azioni a tutela della salute dei cittadini

La Guida - Statale 21, l’Unione Montana chiede l’istituzione di un tavolo di discussione col Ministero

Valle Stura – Il Consiglio dell’Unione Montana Valle Stura, nell’ultima seduta del 29 novembre, ha approvato un ordine del giorno sul quale tutti i primi cittadini dell’Unione ed il Sindaco del Comune di Borgo San Dalmazzo si erano già espressi favorevolmente. Nel documento sono state evidenziate le criticità negli abitati di Demonte, Aisone e Vinadio nonché il consistente aumento del traffico pesante sia per la presenza dello stabilimento delle Fonti Sant’Anna sia per la crescente rilevanza commerciale del valico internazionale. Gli amministratori della Valle, si ribadisce nel documento approvato, “ritengono irrinunciabile la realizzazione della Variante di Demonte, pur essendo consapevoli che la stessa opera non sarà risolutiva di tutte le problematiche presenti sul tracciato della Statale 21”.
Punto cardine dell’ordine del giorno è la richiesta di attivare un tavolo di discussione con il Ministero delle Infrastrutture, con la Regione Piemonte, la Provincia e i rappresentanti delle forze politiche locali, con lo scopo di realizzare un’opera risolutiva di tutte le problematiche di viabilità della valle. Ma l’Unione ribadisce anche la necessità di  procedere, attraverso l’Asl e l’Arpa, ad una Valutazione di Impatto sulla salute su tutti i paesi attraversati dalla Statale 21 (compresi i tratti provinciali di Vignolo e Borgo San Dalmazzo ed i tratti divenuti di competenza comunale) sopratutto dopo le ultime rilevazioni effettuate che hanno registrato su Demonte livelli di inquinamento pari alle aree industriali torinesi.
A difesa del “diritto alla casa”, firmando il documento gli amministratori si sono anche impegnati a promuovere un’azione presso la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo per le violazioni alle normative sulla prevenzione dei rumori e delle emissioni nocive nelle case poste lungo la strada statale 21.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente