La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 9 dicembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Abbonamenti mai richiesti, quattro a processo per estorsione

Continuano le testimonianze in aula per il caso di una coppia di Ceva che voleva fare beneficenza e si è ritrovata oggetto di pressanti richieste di soldi

La Guida - Abbonamenti mai richiesti, quattro a processo per estorsione

Ceva – È proseguito al tribunale di Cuneo il processo per estorsione a carico di quattro persone le cui vittime, due coniugi residenti nel cebano, colpevoli solo di aver voluto fare un’opera di beneficenza acquistando riviste. Era stato fatto loro credere che fossero legate alle associazioni di volontariato verso cui sentivano in debito di riconoscenza per quanto fatto in occasione delle alluvioni 1994 e 2008. In realtà le tre opere proposte per telefono e recapitate a casa, per le quali pagarono complessivamente quasi 400 euro, furono solo l’anticamera di una estorsione che proseguì per più di un anno a cavallo tra il 2017 e il 2018. “Una volta al telefono parlai con una persona che si presentò come il cancelliere del giudice di pace di Roma – aveva riferito in aula il marito – dicendo che dovevo pagare 9.000 euro per un abbonamento che avevo sottoscritto ma che potevo avere una riduzione se avessi subito fatto un bonifico di 6.800 euro”. A febbraio 2018 arrivarono a ricevere fino a 15 telefonate al giorno, al punto che la coppia era terrorizzata; all’uomo era venuta la tachicardia, i due ormai avevano paura al solo squillo del cellulare. In una telefonata a fine febbraio, l’uomo passò il telefono alla figlia, alla quale un certo signor Carini (che si presentò come mediatore presso l’ufficio del giudice di pace di Roma) ripropose lo stesso pagamento. La ragazza si recò dai Carabinieri che le dissero di non pagare nulla e di denunciare il fatto. Alla successiva telefonata, ha raccontato la ragazza in aula, il tono dell’uomo “si fece minaccioso quando dissi che mi ero rivolta ai Carabinieri e disse che avrebbe promosso una causa contro mio padre, ma da allora non si sono più fatti sentire”. Nel corso dell’ultima udienza sono stati ascoltati in aula due testimoni della difesa, i dipendenti delle due ditte di commercializzazione dei volumi, la “R. C. M. Diffusione” e la “Abbonamenti Italia”, i quali hanno riferito che nelle loro aziende si vendevano prodotti di case editrici, riviste e libri, che parlavano dei corpi di pronto intervento ma che non appartenevano a quelle associazioni; hanno inoltre riferito che non si facevano propriamente abbonamenti ma vendite di volumi unici, pagabili con contrassegno, cioè alla consegna, e che quindi non avevano alcun motivo di fare azioni di recupero credito. L’udienza è stata rinviata al 20 aprile per gli ultimi testimoni e la discussione.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente