La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 9 dicembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“No all’ampliamento delle possibilità di praticare eliski”

Le associazioni ambientaliste intervengono nel dibattito sulla proposta di legge regionale in fase di definizione: "Gravi conseguenze per l'ambiente e la fauna selvatica”

La Guida - “No all’ampliamento delle possibilità di praticare eliski”

Torino – È in corso di discussione in consiglio regionale il testo unificato delle proposte di legge regionale n. 66 e n. 72, inerenti “Modifiche alla legge regionale 26 gennaio 2009, n. 2 (Norme in materia di sicurezza nella pratica degli sport montani invernali ed estivi e disciplina dell’attività di volo in zone di montagna)”.

In merito, il tavolo “Animali e Ambiente”, costituito dalle più importanti associazioni ambientaliste ed animaliste del Piemonte, esprime forti perplessità su alcuni aspetti dell’articolato in fase di approvazione.

“Vogliamo sottolineare – scrive Piero Belletti di Pro Natura Piemonte in una nota stampa – come risulti inaccettabile il generale allentamento delle norme che sovrintendono all’uso dei mezzi aerei a fini turistici: la pratica dell’eliski, ad esempio, viene autorizzata anche nei giorni festivi e fino a quote altimetriche di 1600 m s.l.m. Non solo, di fatto la si prevede anche all’interno delle aree protette, sia pure a seguito di predisposizione di valutazione di incidenza. Vengono introdotte pratiche quali l’elitaxi e l’elibike, di cui francamente non si sentiva la mancanza, e la cui principale conseguenza sarà quella di snaturare l’ambiente montano e renderlo sempre più simile a un parco divertimenti. Il tutto, però, con gravi danni a quella biodiversità che invece, a parole, tutti si dichiarano convinti a voler tutelare in modo rigoroso. La montagna non si aiuta con iniziative di questo tipo, ma ponendo le basi per uno sviluppo duraturo, che veda nella tutela e valorizzazione dell’ambiente il suo perno fondamentale”.

“L’art. 22 (che sostituirebbe l’art. 28 bis della Legge Regionale 2/2009) prevede inoltre che l’elicottero possa essere utilizzato, senza specifiche autorizzazioni, nel caso di recupero dei capi di cinghiale e cervo abbattuti durante l’attività venatoria. Ci pare una ulteriore e ingiustificata concessione al mondo venatorio, dopo le numerose già approvate in altre iniziative legislative di questi ultimi mesi”.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente