La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 26 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Affari di famiglia” con tanti furti: un cuneese a processo

Gianni Barovero ha scelto la strada del giudizio, mentre gli altri nove arrestati (tutti del suo nucleo familiare) hanno patteggiato

La Guida - “Affari di famiglia” con tanti furti: un cuneese a processo

Cuneo – Con l’operazione “Family affairs” (affari di famiglia) , la Squadra Mobile della Questura di Cuneo aveva interrotto la serie di furti messi in atto da un intero clan familiare del cuneese, ai danni di persone anziane e sole, avvicinate dai membri della famiglia che giravano a coppie fingendosi addetti delle aziende di acqua e gas per controlli. Una volta all’interno delle case, mentre uno distraeva la vittima, approfittavano per rubare tutto quello che trovavano. Una ventina i colpi messi a segno nel periodo tra aprile e luglio 2020 e dieci gli ordini di custodia cautelare emessi dal tribunale di Cuneo (sei persone erano finite in carcere e quattro ai domiciliari), nell’ambito del sequestro che ha coinvolto un centinaio di agenti provenienti da tutto il Piemonte e che ha portato al sequestro di contanti, orologi di valore, oro e preziosi; una piccola parte della refurtiva che gli inquirenti avevano stimato nell’ordine dei 300.000 euro (nella foto, una parte del bottino dei colpi). A finire in manette erano stati i membri della famiglia Barovero, residenti a Cerialdo, Carmagnola, Asti eVolvera, con i genitori Osvaldo e Alfrida, le quattro figlie Selica, Angela, Claudia e Glenda oltre a Romano Debar, Giacomo Bresciani e il figlio della coppia Gianni, che a differenza di tutti gli altri imputati (che hanno scelto il patteggiamento) ha deciso di sottoporsi al giudizio ordinario in cui gli sono contestati il furto in concorso e l’associazione a delinquere. Nell’udienza che si è svolta al tribunale di Cuneo sono stati ripercorsi l’inizio delle indagini, una sparatoria all’interno del campo nomadi del Cerialdo, in seguito alla quale erano state disposte le intercettazioni dei membri della famiglia Barovero. Da queste è emersa l’attività della famiglia, con trasferte in tutta la provincia di Cuneo e non solo: Busca, Casalgrasso, Barge, ma anche case nel torinese, nella provincia di Asti e in Valle d’Aosta. “Per indicare che stavano per andare a rubare – ha riferito il teste della Questura – dicevano in piemontese ‘anduma a mangè o ‘anduma a vendi il fer’”. Gianni non andava personalmente a rubare ma secondo gli inquirenti era lui che si occupava di rivendere la merce rubata. “In quasi tutte le attività criminali – ha riferito il teste – Gianni telefonava alla mamma o al papà e si recava a casa loro. In una telefonata di luglio, dopo essere stato a casa dai genitori, Gianni viene ascoltato mentre parla con un orefice di Cuneo, dicendo che vuole assolutamente vederlo perché ha qualcosa da fargli vedere. Ad un altro gioielliere aveva detto di aver comprato degli orologi Rolex e di avere assolutamente bisogno di venderli”. Il processo proseguirà il 4 febbraio.  

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente