La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 26 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Le spese del Covid devono essere pagate dallo Stato”, mancano 2,2 miliardi di euro

Lo chiede l'assessore Luigi ICardi al ministro della salute Speranza nella Commissione Salute della Conferenza delle Regioni. Per il Piemonte sono oltre 100 milioni

La Guida - “Le spese del Covid devono essere pagate dallo Stato”, mancano 2,2 miliardi di euro

Torino – “Le spese per il Covid-19 vanno considerate in capo allo Stato e non alle Regioni. Chiediamo un adeguato incremento dei fondi, il ristoro delle mancate entrate a causa della pandemia e una maggiore flessibilità sulla spesa sanitaria, per non trovarci in emergenza finanziaria”.
A parlare è l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte e vice coordinatore nazionale della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Luigi Genesio Icardi, al termine dell’incontro, nel tardo pomeriggio di ieri, martedì 16 novembre, con il ministro della Salute, Roberto Speranza, sul tema delle risorse per la Sanità del 2021.
“Il 2021 – rileva l’assessore Icardi – è stato caratterizzato dalla ripresa delle attività sanitarie ordinarie, come gli interventi in elezione, il recupero delle liste di attesa per prestazioni ospedaliere e ambulatoriali, così come dal proseguimento delle attività legate al Covid, dall’assistenza ai soggetti positivi al contact tracing, passando per la campagna di vaccinazione. Occorre che il complesso di queste attività, in larghissima parte già effettuate, venga riconosciuto e quindi sostenuto da risorse sufficienti a garantire il pareggio dei conti regionali 2021 della Sanità, se non si vuole ridurre la quantità e la qualità dei servizi sanitari, proprio ora che il Paese sta ripartendo e ha bisogno di garanzie per il futuro”.
Nel 2021 mancano complessivamente, a livello nazionale, per tutte le Regioni, oltre 2,2 miliardi di euro di finanziamenti rispetto al 2020. Per il Piemonte significa oltre 100 milioni.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente