La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 28 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale: condannato

Sette mesi di reclusione con revoca della sospensione condizionale per un uomo che già in passato aveva aggredito la madre

La Guida - Resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale: condannato

Magliano Alpi – Era già successo che il figlio l’avesse aggredita e per questo motivo la sera del 3 settembre 2018 in seguito all’ennesima lite, temendo per l’incolumità propria e dei nipoti, la signora chiamò i Carabinieri. Quando il comandante della stazione di Morozzo arrivò nell’appartamento faticò non poco a riportare la calma per cercare di capire cosa fosse accaduto. “C’era la madre con due figli e quattro nipotini. V.D. urlava, ci insultava e ci impediva di capire il motivo della lite – ha riferito in aula il militare – e quindi ho dovuto portarlo energicamente fuori di casa e tenere chiusa la porta con forza perché lui cercava di rientrare. Poi ho chiamato il 118 per un eventuale ricovero”. La madre non lo voleva più ospitare in casa propria perché aveva paura dei suoi eccessi di violenza, mentre V.D., imputato con l’accusa di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, voleva denunciare il fratello perché sosteneva di essere stato picchiato. “Ci insultava e diceva che voleva sporgere denuncia – e così quando è arrivata l’ambulanza ho cercato di calmarlo dicendogli di andare in ospedale per una notte e il giorno dopo avrebbe potuto sporgere la sua denuncia”. Conclusa l’istruttoria il Pubblico Mministero, considerando una precedente resistenza del 2016, ha chiesto per l’imputato la condanna a 10 mesi di reclusione, mentre la difesa ha chiesto che il gesto del suo assistito venisse interpretato come una disobbedienza ad una ingiustizia. Il giudice ha accolto la richiesta dell’accusa condannando l’uomo a 7 mesi di reclusione con revoca della sospensione condizionale.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente