La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 28 giugno 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Armo-Cantarana e Statale 28, servono le risorse per dare il via ai lavori

Presentato al Governo un ordine del giorno per chiedere la realizzazione degli interventi e delle operazioni di messa in sicurezza

La Guida - Armo-Cantarana e Statale 28, servono le risorse per dare il via ai lavori

Cuneo – “Il Governo provveda, nel primo provvedimento utile, a stanziare le risorse necessarie alla realizzazione della variante fra Pieve di Teco e Ormea e adotti tutte le iniziative necessarie per mettere in sicurezza la Statale 28 del Colle di Nava”. A chiederlo con un ordine del giorno al Governo è stato il senatore cuneese della Lega Giorgio Maria Bergesio.
La strada statale 28 del colle di Nava, da Fossano a Imperia – una delle via di collegamento del traffico pesante tra Piemonte, Liguria e Francia – è spesso interessata da incidenti stradali. Gli interventi più urgenti riguardano il tratto denominato Rocchini” allimbocco della valle Tanaro tra Ceva e Nucetto, quello che costeggia la zona Cave di Bagnasco e le curve in frazione Eca Nasagò ad Ormea. Opere che attendono il via libera dalla grande alluvione del 94 e per cui, proprio in questi giorni, sono state assegnate ad Anas le risorse necessarie per portare avanti l’iter di riprovazione dei permessi ormai scaduti.
Tra i principali progetti di ammodernamento, di cui si parla dagli inizi degli anni ’90, c’è invece la variante fra Pieve di Teco (Imperia) e Ormea (Cuneo). In questo tratto, tra gli interventi più attesi spicca il traforo tra Armo (Imperia) e Cantarana (Cuneo) di 2.970 metri di lunghezza. Il costo complessivo della variante ammonta a 300 milioni di euro. Il progetto definitivo di Anas è stato approvato nel gennaio del 2020, ma mancano ancora le risorse, la Regione Piemonte e la Liguria hanno chiesto che anche questi interventi siano inseriti tra quelli prioritari di Anas. 

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente