La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 3 luglio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Cuneo ai primi posti in Italia per alberi e piste ciclabili, ma anche per numero di auto circolanti

I risultati del rapporto sull'ecosistema urbano di Legambiente e Ambiente Italia. Cuneo è prima in Italia per numero di alberi in rapporto agli abitanti

La Guida - Cuneo ai primi posti in Italia per alberi e piste ciclabili, ma anche per numero di auto circolanti

Cuneo – Primo posto in Italia per alberi in aree di proprietà pubblica e terzo posto per le piste ciclabili, sempre in relazione agli abitanti, ma anche una della città con il maggior numero di auto (75 per ogni 100 abitanti) e risultati che rimangono non troppo positivi per qualità dell’aria, consumi idrici, efficienza della depurazione e utilizzo efficiente del suolo.

Sono i risultati di Cuneo nell’annuale classifica sull’ecosistema urbano di 105 capoluoghi di provincia italiani pubblicato da Legambiente e Ambiente Italia.

“Buone notizie per Cuneo – ha scritto il sindaco, Federico Borgna, sulla sua pagina facebook – dal nuovo rapporto pubblicato da Legambiente e Ambiente Italia che analizza l’ecosistema urbano in 105 capoluoghi di provincia italiani analizzando alcune aree chiave: qualità dell’aria, acqua, politiche di gestione dei rifiuti e mobilità pubblica. Cuneo è la prima città in Italia con più alberi in aree di proprietà pubblica ed è la terza per chilometri di piste ciclabili”.

Il rapporto si basa su 18 parametri raggruppati in 5 macroaree (aria, acqua, rifiuti, mobilità, ambiente urbano ed energia) ed esamina oltre 30.000 dati raccolti attraverso questionari inviati da Legambiente ai 105 Comuni coinvolti. Nella classifica generale Cuneo è al 14° posto con 63,98 punti, prima tra i capoluoghi piemontesi (la seconda, Verbania, è 23ª), mentre al primo posto a livello nazionale si conferma Trento con 84,71 punti, davanti a Reggio Emilia (77,89), Mantova (75,14) e Cosenza (74,21). Agli ultimi tre posti Brindisi, Catania e Palermo.

Le classifiche

Cuneo conquista il primo posto nella classifica degli alberi ogni 100 abitanti in aree di proprietà pubblica, con 190 alberi, davanti a Modena (115) e Trieste (102). Ultimo posto per Potenza con appena 1 albero per 100 abitanti.

Terzo posto per le piste ciclabili, con 32,4 metri per 100 abitanti (29,4 chilometri totali), alle spalle di Reggio Emilia (45,75) e Cremona (33,55).

Per trovare Cuneo nelle altre classifiche bisogna scendere di posizione, intorno al 30° posto per le isole pedonali Cuneo con 0,43 metri quadrati pedonali per abitante e il verde pubblico fruibile. Per la qualità dell’aria Cuneo non eccelle con il 22° posto per quanto riguarda le polveri sottili nell’aria, ma risultati meno buoni per i valori medi annuali di biossido di azoto e il superamento della media mobile relativa all’ozono.

Per la dispersione della rete idrica Cuneo si ferma al 31,7% la differenza tra acqua immessa e consumata per usi civili, mentre nei consumi idrici domestici è 63ª con 150,8 litri per abitante al giorno ed è nelle retrovie per solare e fotovoltaico pubblico. Il parametro relativo all’uso efficiente del suolo è 4,5 in una scala da 0 a 10 (relativo al trend di consumo del suolo), mentre il trasporto pubblico non eccelle sia per il numero di passeggeri (35 viaggi per abitanti all’anno in media) che per l’offerta (17 km/abitanti).

Il risultato peggiore è però quello relativo al tasso di motorizzazione: Cuneo si piazza 96ª su 105 con 75 auto circolanti ogni 100 abitanti (e 11 motocicli ogni 100 abitanti). All’ultimo posto c’è Frosinone, con 80 auto ogni 100 abitanti.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente