La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 8 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Ferisce un concittadino con un vetro durante una lite: condannato

A processo per un diverbio degenerato tra cittadini di origine somala in corso Giolitti a Cuneo, nel luglio 2020

La Guida - Ferisce un concittadino con un vetro durante una lite: condannato
Lite con coccio di vetro

 

Cuneo – Si è concluso con una condanna a 5 anni di reclusione il processo a H.M., cittadino di origine somala, in Italia dal 2008 che nel pomeriggio del 13 luglio 2020 ebbe una violenta discussione con un connazionale in corso Giolitti. I due erano venuti alle mani dopo essersi incontrati alla Caritas; il motivo della lite risale al periodo in cui H.M. aveva ospitato la vittima per qualche tempo nell’appartamento che condivideva con altre persone. Uno dei coinquilini, però, accusò l’ospite di avergli rubato alcuni effetti personali e il ragazzo venne denunciato, “quel giorno lui voleva che io togliessi la denuncia – aveva raccontato in aula l’imputato -, ma non l’avevo fatta io e non potevo farci niente”; i due litigarono e per due volte la vittima si avvicinò ad H.M. per colpirlo. La prima volta vennero divisi da altri ragazzi; al secondo tentativo, mentre la vittima si avvicinava con una pietra in mano, H.M. lo colpì con un pezzo di bottiglia che aveva in mano. La vittima fu raggiunta al collo dal vetro che gli lasciò una ferita a forma di L profonda due centimetri vicinissima alla carotide. “Non era eccesso colposo di legittima difesa  – aveva sostenuto l’accusa in aula -, ma una reazione spropositata all’effettivo pericolo da configurarsi come tentativi di omicidio”. Al Pubblico Ministero che aveva chiesto 4 anni e 8 mesi di reclusione, ha ribattuto la difesa dell’imputato sottolineando che se ci fosse davvero stata volontà di far male, H.M. non si sarebbe immediatamente fermato non appena si era accorto che la lite era degenerata. Il collegio dei giudici ha accolto la richiesta dell’accusa, condannando l’uomo a 5 anni di reclusione con interdizione legale.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente