La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 19 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Pesante attrezzo agricolo rubato da un’azienda, tre condannati

La loro auto era stata notata e inseguita dai Carabinieri nella notte, nella zona di Lagnasco

La Guida - Pesante attrezzo agricolo rubato da un’azienda, tre condannati

Lagnasco – Accusati della ricettazione di un trinciasarmenti che era stato sottratto dal piazzale di un’azienda locale dove era tenuto in esposizione, sono stati condannati dal tribunale di Cuneo P. A. e i fratelli G. G. e G. E., di origine georgiana. Durante un normale turno di controllo in auto nel settembre 2019, i Carabinieri avevano incrociato l’auto con le tre persone a bordo in piena notte. L’auto doveva portare un carico pesante e procedeva lentamente, i militari fecero inversione e la seguirono. Gli occupanti dell’auto riuscirono a fermarsi prima dell’arrivo dei Carabinieri e a scaricare a bordo strada il macchinario usato per trinciare gli sfalci delle viti dopo la vendemmia; un attrezzo di forma rotonda molto pesante. I militari si accorsero della manovra e poco dopo li fermarono; nel bagagliaio c’erano le tracce di vernice rossa dei denti del macchinario trascinato prima di essere buttato per strada. Dalla caserma i militari chiamarono il titolare dell’azienda locale che vendeva quel genere di attrezzi e che teneva in esposizione sul piazzale davanti al magazzino proprio quel trinciasarmenti: “Un attrezzo pesante circa 150 chili – aveva detto il proprietario – dal costo di 3.000 euro. Abbiamo trovato per terra i segni del trascinamento fino al cancello”. Per i tre imputati l’accusa ha chiesto la condanna a nove mesi e 600 euro di multa per P. A. e sei mesi di reclusione per i due fratelli G. G. e G. E. Per la difesa invece i tre erano innocenti perché non avrebbero avuto il tempo di scaricare quel pesante macchinario prima dell’arrivo dei Carabinieri e non avrebbero neanche potuto trasportarlo, visto il suo ingombro. La giudice ha invece accolto la richiesta del pubblico ministero condannando i tre a nove mesi e a sei mesi con pena sospesa.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente