La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 9 dicembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Consiglio comunale con green pass obbligatorio, la protesta di Giuseppe Lauria

Mascherina antigas, ma anche green pass, nella seduta di lunedì 25 ottobre per Giuseppe Lauria: "Ho fatto il tampone, ho la certezza di non essere un pericolo, voi no”. Pittari: "È una certezza infondata”. Sturlese: "Se manifestate è grazie a noi che abbiamo fatto il vaccino”

La Guida - Consiglio comunale con green pass obbligatorio, la protesta di Giuseppe Lauria

Cuneo – Mascherina antigas, più adatta forse a contrastare agenti chimici che non il Covid, ma anche green pass (dopo aver fatto il tampone): il consigliere di minoranza ed ex candidato sindaco, Giuseppe Lauria, da sempre contrario al green pass, si è presentato così oggi, lunedì 25 ottobre, nella prima seduta del consiglio comunale di Cuneo convocata in presenza con obbligo del certificato verde per consiglieri comunali, sindaco, assessori e anche per il pubblico.

L’ingresso di consiglieri e assessori, e il controllo del certificato verde da parte della dipendente comunale incaricata, sono avvenuti senza intoppi. Lauria ha poi ribadito la sua posizione no-green pass in apertura di seduta: “Come vedete mi sono piegato alla volontà scellerata di questo governo e ho fatto il tampone – ha detto – Sono qua seduto in mezzo a voi con la certezza assoluta di non essere un pericolo per voi avendo fatto il tampone: voi, viceversa, potreste esserlo per me, pur essendo vaccinati, in quanto non avete la certezza di non essere pericolosi per me. Quindi chiedo al presidente del consiglio se domani volesse assicurarmi che i miei colleghi non rappresentino un pericolo per me. Credo che un consiglio comunale come il nostro non possa sorvolare dall’esprimere vicinanza a quanti negli ultimi giorni sono stati oggetto di violenza per aver manifestato la loro contrarietà a questo obbligo”.

A replicare è stato Antonino Pittari, medico e consigliere del Pd: “Quando c’è una positività, per essere rilevata occorrono almeno tre giorni dall’avvenuta infezione. Quindi la conclusione di Lauria di essere assolutamente sicuro di non avere il virus addosso è del tutto arbitraria e infondata”. Dai banchi della minoranza anche Ugo Sturlese (Cuneo per i Beni Comuni) ha sottolineato: “Voglio ricordare a Lauria che se stanno avvenendo manifestazioni in Italia, queste persone devono ringraziare quanti si sono vaccinati, perché altrimenti saremmo in un periodo di lockdown e sarebbero proibite le manifestazioni. State manifestando grazie a noi che ci siamo vaccinati”.

Il consiglio comunale proseguirà questa sera e nella serata di domani, martedì 26 ottobre: all’ordine del giorno c’è anche la maxi variante 31 al Piano regolatore, composta da oltre 50 modifiche, le variazioni di bilancio, il regolamento per i mercati agricoli, oltre alle interpellanze dei consiglieri comunali.

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente