La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 28 novembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Prelievi con il bancomat della donna che assisteva, condannata

L'anziana racconigese fu derubata di centinaia di euro. Accolta la richiesta dell'accusa: un anno di reclusione e 310 euro di multa

La Guida - Prelievi con il bancomat della donna che assisteva, condannata

Racconigi – Tramite una cooperativa di servizi di assistenza alle persone aveva trovato lavoro presso una signora ipovedente e, approfittando della minorata capacità della propria assistita, le avrebbe sottratto la carta bancomat e con questa avrebbe fatto tre prelievi nell’arco di tre giorni, due da 600 euro e uno da 90 euro. Quando la donna si accorse di non avere più la carta, si recò in banca per denunciare lo smarrimento, ma lì le dissero che in realtà con quella carta erano stati fatti tre prelievi di cui due piuttosto consistenti. Appena rivelò alla sua assistente che aveva dovuto disattivare la carta, questa riapparve in un cassetto dove la padrona di casa aveva già cercato varie volte. Z. A., donna di Carmagnola all’epoca dei fatti 32enne, venne denunciata per furto aggravato (con querela poi rimessa da parte della parte offesa) e per utilizzo indebito di carta di credito: solo lei infatti oltre alla signora derubata sapeva dove si trovava il bancomat e il pin. Grazie alle indagini dei Carabinieri, dai tabulati telefonici emerse che il cellulare dell’imputata aveva agganciato delle celle proprio in corrispondenza degli sportelli bancomat di Savigliano e Racconigi dove erano stati effettuati i prelievi e proprio nei giorni, a cavallo tra maggio e giugno del 2019, in cui i soldi erano stati prelevati. Per lei l’accusa ha chiesto la condanna a un anno di reclusione senza le attenuanti, dal momento che quelle sottrazioni di denaro erano state fatte approfittando della minorata capacità della signora assistita. L’accusa ha ribadito che tutti gli elementi raccolti erano indiziari e che non era stata raggiunta la prova della colpevolezza. Il giudice ha accolto la richiesta dell’accusa condannando l’imputata a un anno di reclusione e alla multa di 310 euro.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente