La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Domenica 28 novembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Gerbola, l’esasperazione dei residenti per la velocità eccessiva

La richiesta di controlli e interventi delle forze dell'ordine. Con una promessa: esposto in Procura, se non ci saranno provvedimenti

La Guida - Gerbola, l’esasperazione dei residenti per la velocità eccessiva

Gerbola – Sui segnali, il limite di velocità è 50 km/h, ma in media gli automobilisti sfrecciano a 100 km/h, con picchi oltre quota 150 e tanti sorpassi in entrambe le direzioni di marcia. Ai due lati del rettilineo c’è il paese di Gerbola, che da oltre una decina d’anni continua a chiedere aiuto al Comune di Villafalletto e alla Provincia. “Siamo esasperati – spiega Claudio Mellano a nome dei residenti – perché la situazione è davvero insostenibile e non arrivano risposte. I marciapiedi, se così vogliamo chiamarli, sono piccole banchine larghe al massimo 50 cm e l’intero paese si sviluppa sui due lati della strada, come la chiamano i bambini, la ‘Bestia’. Le persone hanno davvero paura e immettersi sulla carreggiata con la propria auto è ormai diventata una mezza impresa. Il rischio di un incidente mortale è davvero dietro l’angolo”.
A spaventare i cittadini di Gerbola è la prospettiva di un ulteriore incremento del traffico di mezzi pesanti a causa dell’imminente ampliamento della Fossano-Villafalletto, intervento di cui è già stato appaltato il primo lotto. Tre anni fa hanno fatto la loro comparsa i velobox, ma secondo i residenti non sarebbero quasi mai stati utilizzati: “Ci rivolgiamo alle forze dell’ordine: venite a presidiare questo rettilineo con autovelox, anche solo una volta ogni tanto. Quanto basta per trasmettere agli automobilisti l’idea che i limiti vanno rispettati, trattandosi di un centro abitato”.
In passato si era parlato di realizzare una deviazione stradale che aggirasse il paese, rivelatasi però troppo costosa per la Provincia. Soluzioni alternative potrebbero essere un semaforo all’altezza dell’incrocio principale o un senso unico alternato alla strettoia in mezzo al paese. “Siamo aperti – conclude Mellano – a discuterne, senza preclusioni. Ci sta scoraggiando la mancanza di un interlocutore certo: in estate abbiamo portato la nostra protesta in consiglio comunale, ci è stato risposto che è responsabilità provinciale. La Provincia ha replicato l’esatto opposto, e da allora nulla si è mosso. Ci siamo dati il 2021 come scadenza: se il silenzio delle istituzioni perdurerà, a inizio 2022 saremo costretti a presentare un esposto in Procura, perché il rischio per i gerbolesi è troppo alto”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente