La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Martedì 30 novembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

“Ora Mimmo Lucano affronta il suo calvario e noi siamo al suo fianco. Noi stiamo con Mimmo Lucano”

Il presidio a Cuneo e la solidarietà di tanti, le parole dell'Associazione Mario Riu impegnata in prima linea sull'accoglienza e l'integrazione dei migranti

La Guida - “Ora Mimmo Lucano affronta il suo calvario e noi siamo al suo fianco. Noi stiamo con Mimmo Lucano”

Cuneo – Un cartello con la scritta “Noi stiamo con Mimmo Lucano – La solidarietà non è un reato” all’entrata di Via Roma, di fronte al Duomo, intorno chi manifesta a favore di Mimmo Lucano, una chitarra, alcune testimonianze dei rappresentanti del Tavolo delle Associazioni del Cuneese e tanti passanti che decidono di fermarsi e di prendere parte alla manifestazione. Il presidio di solidarietà per Mimmo Lucano, l’ex sindaco d Riace, condannato a 13 anni e due mesi per illeciti nella gestione dei migranti ai tempi del suo mandato alla guida della cittadina calabrese, non lascia indifferenti nessuno. La maggior parte è indignata e incredula di fronte a una sentenza che ha quasi raddoppiato la richiesta del Pm.

Arriva anche in queste ore il messaggio dell’Associazione Mario Riu, che sostiene e valorizza l’attività e le iniziative di Associazioni, Volontari, Famiglie, Enti Locali e Imprese che realizzano progetti di accoglienza e integrazione dei migranti, per esprimere lo sconcerto e l’indignazione verso la sentenza del Tribunale di Locri.
“Pena superiore a quella comminata al colpevole della tentata strage razzista,- scrive l’associazione – con sei africani feriti a Macerata, pena superiore a quella per i responsabili di violenza sulle donne, pena superiore a quella ipotizzabile per un assessore pistolero che a Voghera uccide un magrebino. Pena superiore a quella per un trafficante di esseri umani responsabile della morte in mare di migranti. Pena superiore a quella per Massimo Carminati, il boss di Mafia Capitale. In Italia, l’accoglienza dei migranti è più grave che essere mafiosi? Sappiamo che le sentenze dei Tribunali si rispettano ma anche che si è innocenti fino al terzo grado di giudizio”.
“Leggeremo le motivazioni di quella sentenza – continuano – ma fin da ora sappiamo che quei giudici di Locri hanno considerato come reati gravi l’aver commesso irregolarità nell’assegnazione di servizi di trasporto rifiuti, di aver assegnato una casa  che non rispondeva in pieno ai criteri di abitabilità a chi aveva bisogno di un tetto per vivere, per aver rilasciato la carta di identità a una donna che ancora non risiedeva a Riace, di non aver rendicontato appropriatamente i finanziamenti ottenuti per l’acquisto e la ristrutturazione di tre case e un frantoio, per aver gestito personalmente e senza documentazione il denaro dei conti correnti della sua Associazione, per avere violato la certificazione Siae per i concerti organizzati. Peculato, truffa, abuso di ufficio, la burocrazia non ammette scostamenti e sanziona duramente anche le leggerezze, e quei giudici di Locri li impacchettano in associazione a delinquere. Inflessibili, al punto di non concedere neppure le attenuanti generiche per un comportamento improntato a nobile fine, previsto dai nostri codici. Senza considerare che si era nel pieno di una dolorosa emergenza e i tempi di intervento non potevano rispettare i tempi della burocrazia. Senza considerare che si trattava di far incontrare case senza abitanti con persone senza casa, senza considerare che si è dato da mangiare a migliaia di  persone fuggite dalla povertà e dalla guerra, senza considerare i posti di lavoro per italiani e stranieri creati nei servizi pubblici, senza considerare la rivitalizzazione di un borgo antico in via di abbandono. Senza considerare i riconoscimenti internazionali per il “Modello Riace”. Senza considerare che nei conti in banca di Mimmo Lucano gli euro sono meno di pochi e che il suo patrimonio è sostanzialmente nullo.

E concludono come i partecipanti del presidio cuneese: “Ora Mimmo Lucano affronta il suo calvario e noi siamo al suo fianco. Ma avrà giustizia e l’avremo noi. Noi, Mimmo Lucano”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente