La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 25 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Sottrae una telecamera dal muro del carcere: a processo

I fatti avvenuti durante una manifestazione di gruppi anarchici in solidarietà ai detenuti del 41 bis della casa circondariale di Cerialdo

La Guida - Sottrae una telecamera dal muro del carcere: a processo
Cuneo, carcere di Cerialdo

Cuneo – Durante una manifestazione di gruppi anarchici davanti al carcere del Cerialdo, in solidarietà ai detenuti del 41 bis, che si svolse l’8 giugno del 2019, venne sottratta una telecamera che era stata posizionata dalla Polizia scientifica di Torino. Imputato del reato di furto aggravato è F.B. di Parma, che dalle immagini di altre telecamere appartenenti alla Polizia penitenziaria, venne immortalato negli istanti immediatamente precedenti e successivi al momento del furto. Dai movimenti che faceva, prima alzava un braccio verso il muro e poi tirava indietro il braccio come a staccare via dei fili, gli agenti della Questura di Cuneo dedussero che era stato lui a sottrarre la telecamera. Di questa telecamera si parlava anche in un sito d’area anarchica pochi giorni dopo la manifestazione in un articolo intitolato ‘spioni’, in cui si faceva cenno al ritrovamento della videocamera. In udienza, però, non è stato possibile definire con certezza la posizione dell’imputato rispetto al muro dove era stata collocata la telecamera, mimetizzata in un mattone bucato, poiché nessuno dei tre testimoni della Questura di Cuneo aveva provveduto personalmente al posizionamento della telecamera, “sono strumenti non in dotazione alla Questura di Cuneo – ha riferito uno dei testimoni – ed è quindi intervenuta la Scientifica di Torino a posizionarla e poi a identificare il soggetto che si vedeva nelle immagini della Polizia penitenziaria”. Ai fini della decisione si è reso quindi necessario raccogliere la testimonianza del vicecommissario di Torino che aveva materialmente compiuto l’operazione, nell’udienza del 15 ottobre.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente