La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Sabato 23 ottobre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Due condanne in una sola mattinata per un 29enne

In pieno lockdown danneggiò la vetrina di una farmacia dopo un litigio, qualche mese prima oppose resistenza durante l'arresto

La Guida - Due condanne in una sola mattinata per un 29enne

Cuneo – Due condanne nell’arco della stessa mattinata in due diversi processi davanti ai giudici del tribunale di Cuneo. È questo il singolare primato di M. L., 29enne di origini saluzzesi che è stato prima processato per il danneggiamento della vetrina della farmacia Beato Angelo di corso Nizza, avvenuto il 23 marzo 2020 in pieno lockdown, e subito dopo per una resistenza a pubblico ufficiale avvenuta nell’ottobre 2019 in corso IV Novembre. Nel primo processo l’imputato, in seguito a una lite con un cittadino extracomunitario, avrebbe preso a calci la vetrina della farmacia mandandola in frantumi. Le testimonianze dell’episodio sono venute dalla titolare della farmacia e da una persona che abita davanti al negozio. I due litiganti si erano allontanati subito dopo il fatto ma M. L., già noto alle forze dell’ordine, sarebbe stato identificato grazie alle riprese delle telecamere di sorveglianza. A fronte di una richiesta di condanna per l’uomo, già detenuto per altro e definito delinquente abituale, a tre anni e mille euro di multa, è arrivata la prima condanna di giornata a otto mesi di reclusione con revoca della sospensione condizionale. La seconda condanna a sei mesi di reclusione è arrivata invece a conclusione del processo per resistenza a pubblico ufficiale. La sera del 24 ottobre di due anni fa M. L. fu arrestato dalla Polizia in seguito alla chiamata dei condomini di un palazzo di corso IV Novembre che si erano visti prendere a calci le porte di casa dall’uomo che pretendeva di ricevere ospitalità. Quando gli genti della Questura cercarono di portarlo via, M. L. oppose resistenza continuando a sferrare calci e pugni. A fronte di una richiesta di condanna a quattro mesi di reclusione, la giudice ha condannato M. L. a sei mesi di reclusione (immagine di repertorio).

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente