La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 26 maggio 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

A Farigliano da un cetriolo è nato il piccolo Buddha

L’idea di Andrea Bertone è stata accolta dall’orto di Giuseppe Aragno e Anna Filippi

La Guida - A Farigliano da un cetriolo è nato il piccolo Buddha

Farigliano – Nell’orto di Giuseppe Aragno e Anna Filippi è nato un piccolo Buddha, frutto della benevola alleanza con Andrea Bertone e della saggezza giapponese di un agricoltore dell’isola di Shikoku, giunta fino a noi, il quale da oltre vent’anni modella frutti e ortaggi. Il vulcanico assessore fariglianese e noto coltivatore di “zucche giganti”, non finisce mai di stupire e ispirandosi alle pratiche orientali ha messo in atto l’originale esperimento di matrice “occidentale”. “L’idea è scaturita – dice Andrea – dopo aver realizzato l’anguria Cubica in occasione del 9° Campionato di Bocce Quadre. Mi sono documentato ed ho acquistato già lo scorso inverno la forma dentro cui far crescere l’ortaggio. La scelta di applicare il metodo sul cetriolo è derivato dalle tempistiche di crescita molto più brevi, occorrono dieci giorni e tanta
pazienza per vedere il prodotto finito. Di errori ne ho fatti diversi non è una cosa semplice ma alla fine, una volta rimosso lo stampo, possiamo dirci soddisfatti del prodotto finito. Ogni sera al rientro dal lavoro andavo a visionare il tutto con cura e dovizia come si fa con un neonato mentre di giorno Giuseppe e Anna mi tenevano informato sugli sviluppi e per questo li ringrazio davvero molto”. L’impegno adesso è
quello di trovare il modo per rendere “immortale” il piccolo Buddha attraverso un’adeguata conservazione. “Stiamo provando a capire come fare per eliminare l’ossigeno da dentro per evitarne la decomposizione. – conclude l’assessore – Si pensava di metterlo sotto alcool o un’altra soluzione per resinarlo e per bloccare il processo interno, ma il timore è che possa rovinarsi a contatto con il prodotto”.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente