La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 15 agosto 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

È allarme siccità e crisi idrica

In Granda mancano all'appello 210 millimetri di acqua solo nei mesi primaverili ed estivi. Richiesta d'intervento delle Acque Irrigue Cuneesi

La Guida - È allarme siccità e crisi idrica
Fiume Stura

Il fiume Stura in sofferenza

Cuneo – È emergenza siccità in tutta la Granda e, con essa, emergenza idrica. A lanciare l’allarme è l’associazione Acque Irrigue Cuneesi, il sodalizio che raggruppa 18 Consorzi irrigui di secondo grado e 53.000 utenti che, per voce del suo presidente, il senatore Giorgio Maria Bergesio, chiede alle istituzioni locali di prestare al problema adeguata attenzione e “di attuare tutte le misure idonee per consentire un utilizzo ottimale dell’acqua sia per usi domestici che irrigui”.
“Quest’anno  – sottolinea Bergesio – sono mancati fino ad oggi più di 70 millimetri di acqua estiva ed oltre 140 millimetri persi in primavera. Dal 1877 ad oggi, a Cuneo siamo a metà della norma: 328 millimetri contro i 635 che dovremmo contare a Ferragosto. E come già accaduto negli scorsi anni, da fine giugno di giorno in giorno la portata di fiumi e torrenti si riduce, quest’anno in misura impressionante, anche fino all’80% in meno”.
La situazione di grave criticità è sotto gli occhi di tutti, con torrenti in secca, il livello dei fiumi ai minimi storici, i campi riarsi e l’agricoltura in sofferenza, mentre l’Acda, l’Azienda Cuneese dell’Acqua, ha di recento chiesto ai 108 Comuni che ne fanno parte di emanare un’ordinanza di divieto dell’uso di acqua potabile per scopi diversi da quelli alimentari e igienici.
Pure, malgrado l’evidenza e la vastità della crisi, che investe ormai senza distinzione tutta la Granda, comprese le terre alte, è caduta nel vuoto – sottolinea Bergesio – la richiesta delle Acque Irrigue Cuneesi di istituire un tavolo di lavoro provinciale sull’emergenza idrica. L’associazione torna, dunque, a chiedere, come da oltre un mese a questa parte, “per le prese sui fiumi una riduzione immediata del deflusso minimo vitale” e “di avviare una programmazione, basata anche sulle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza, occasione che non va sprecata per progettare pochi invasi realizzabili ed avere la possibilità di un uso plurimo ai fini agricoli, sportivi e turistici”.

Il fiume Tanaro

L’attuale portata del fiume Tanaro

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente