La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Mercoledì 22 settembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Colpivano nelle case e nei negozi, otto in carcere

Sgominata banda di dodici nomadi sinti, soprattutto a Magliano Alpi e Rocca de' Baldi: 58 furti per oltre centomila euro

La Guida - Colpivano nelle case e nei negozi, otto in carcere

Cuneo – È di oltre centomila euro l’ammontare del bottino arraffato nei 58 colpi attribuiti alla banda criminale sgominata nelle prime ore di oggi (martedì 3 agosto), composta da 12 nomadi sinti, tra i 18 e i 50 anni di età, per i quali sono state eseguite le ordinanze di custodia cautelare, tra le province di Cuneo e Asti, in particolare a Magliano Alpi e Rocca de’ Baldi (considerate la base logistica del sodalizio). Le accuse sono di “associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti aggravati in abitazione, in esercizi commerciali e di ricettazione”. Per otto di loro si sono aperte le porte del carcere (cinque uomini e tre donne), un uomo è agli arresti domiciliari; per tre (due uomini e una donna) obbligo di dimora. Tra il settembre scorso e la primavera, i Carabinieri hanno raccolto indizi di colpevolezza attribuendo alla banda 58 episodi: 30 furti aggravati in abitazione (di cui 28 nel cuneese, gli altri due nell’astigiano e nel pavese), 23 furti aggravati in esercizi commerciali, tutti in provincia di Cuneo, due furti con destrezza (con la tecnica dell’abbraccio), due episodi di ricettazioni di refurtiva, un furto aggravato su autovettura, nel cuneese. I dodici erano legati da rapporti di parentela, oltre ad avere precedenti; la refurtiva era soprattutto oro e preziosi, elettrodomestici e abbigliamento. C’era anche una “divisione dei compiti”: gli uomini si occupavano dei furti in abitazione, mentre le donne negli esercizi commerciali. Il tutto con strumenti da scasso, mezzi di comunicazione e auto con targhe false sia per i sopralluoghi sia per i furti. I colpi in abitazione venivano messi a segno soprattutto in assenza dei proprietari, ma ci sono anche stati casi di raggiri a persone anziane, presentandosi come operatori delle forze dell’ordine o di uffici pubblici.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente