La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Giovedì 16 settembre 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

I percorsi all’aria aperta di Saluzzo e le Terre del Monviso

Ricche offerte enogastronomiche e la scuola di alto perfezionamento musicale

La Guida - I percorsi all’aria aperta di Saluzzo e le Terre del Monviso

Saluzzo – Saluzzo e le Terre del Monviso sono il luogo ideale per gli sport all’aria aperta, il punto di partenza perfetto per un’immersione nella natura incontaminata, con una rete di itinerari da percorrere in bicicletta o a piedi, che abbracciano anche i territori transfrontalieri. L’area ha ottenuto dall’Unesco il riconoscimento di Riserva della biosfera transfrontaliera del Monviso (Mab). Qui hanno imparato a vincere i gemelli Damilano, olimpionici di marcia, e si allenano i gemelli Dematteis, campioni di corsa in montagna. VéloViso, ad esempio, è un progetto transfrontaliero che unisce l’Italia, interessando le valli Po, Varaita, Maira, Grana e Stura, la pianura saluzzese e la Francia, attraversando il Guillestrois, l’Ubaye e il Queyras: sono proposti 125 percorsi cicloturistici per un totale di 3.000 chilometri con oltre 16 valichi che, negli anni, sono stati teatro delle imprese dei grandi campioni del Tour de France e del Giro d’Italia. Anche l’offerta enogastronomica è ricca e variegata: la gallina bianca, presidio Slow Food, è tipica di Saluzzo, come arrivano dalle terre del Monviso i formaggi piemontesi più prestigiosi, il Castelmagno dop, il Toumin del Mel, il Nostrale d’Alpe e la Toma d’Elva, da accompagnare ai vini Colline Saluzzesi doc, come il Quagliano e il Pelaverga. Un posto di rilievo tra i prodotti del territorio spetta alla frutta, esportata in tutto il mondo: mele, pesche, albicocche, e in particolare le pere madernassa e le susine ramassin, presidio Slow Food. Tra le specialità, le “ravioles”, gnocchi di patate dalla forma allungata e dal cuore tenero, preparati con il fresco Toumin del Mel; i “cruset”, la pasta fresca rigorosamente fatta a mano secondo la tradizione, e la “cugnà”, la salsa che accompagna le degustazioni di formaggio. In bici o con una breve passeggiata, si può raggiungere Castellar, il borgo dominato dal castello con la chiesetta di San Ponzio.

La città ospita, nel quattrocentesco monastero dell’Annunziata, la Scuola di alto perfezionamento musicale, che da trent’anni è un’importante crocevia per professionisti, appassionati di musica e nuovi talenti, e organizza il Marchesato Opera Festival di musica antica e Occit’amo, il festival di musica, cultura e tradizioni occitane, che ha come palcoscenico le montagne delle vallate che la circondano. Saluzzo detiene una tradizione e un patrimonio di competenze nel settore artigiano, soprattutto del legno, con una storia radicata nel tempo e si propone come la città dell’arte di ogni tempo dando vita, ogni anno, a un mese di mostre ed esposizioni di rilievo nazionale e internazionale racchiuse in unico, lungo, evento: Start/Storia e Arte a Saluzzo. Dopo un anno difficile, nel quale la manifestazione ha dovuto spostarsi in autunno e adattarsi alle restrizioni dell’emergenza sanitaria, Start, facendo delle difficoltà il punto di forza per una nuova edizione che cresce e si consolida, conferma il format e presenta, dal 28 maggio al 27 giugno 2021, una manifestazione poliedrica che conquista gli spazi, invade il borgo medievale con le idee innovative degli artigiani che riaprono laboratori chiusi da tempo; inoltre, all’antiquariato italiano e internazionale più interessante, apre un luogo unico, il Castello della Castiglia, contamina la città con il lavoro del vincitore del premio Matteo Olivero e trasforma via Volta, con i suoi “porti scur”, in un’opera d’arte contemporanea creata appositamente. Il tema scelto per quest’anno nasce proprio dalla voglia di ripartire, di premere di nuovo il tasto Start e mettere in moto la macchina. “Re-Start” è lo slogan della quinta edizione, perché saranno proprio gli avvenimenti dell’ultimo anno a fare da base per la ripartenza. L’ufficio del turismo riceve tutte le prenotazioni per le esperienze eno-gastronomiche, outdoor, arte, cultura pensate per Saluzzo e le Terres Monviso: e-bike e picnic Grangusto, city bikes, biglietti per concerti, eventi e siti d’interesse, degustazioni di vino, nettare di frutta e birra artigianale, city tours, street food market tour, concerti&degustazioni&trek, mini corsi di cucina, laboratori artigianali del legno.

Leggimi la notizia!
Categorie
Temi

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente