La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 28 novembre 2022

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

Nella antica chiesa di Stroppo uno stupendo ciclo di affreschi

La chiesa di San Peyre osserva dall'alto l'antica capitale dell'Alta Valle Maira

La Guida - Nella antica chiesa di Stroppo uno stupendo ciclo di affreschi

Stroppo – Lasciando la statale 22 della Valle Maira all’ingresso di Stroppo e dopo appena un chilometro, sulla strada per Elva, ecco di fronte la sagoma svettante della chiesa di San Peyre, isolata su uno sperone roccioso a strapiombo sul paese. Fu talmente studiata alla perfezione, questa sua posizione panoramica, che, raccontano le cronache, quando i montanari delle frazioni più alte e sperdute non potevano scendere alla chiesa per le funzioni, il parroco celebrava la messa o il funerale sulla piazzetta davanti all’ingresso e da ogni borgata era possibile seguire il rito, come dalle tribune di un anfiteatro. Dal 1838 la parrocchia è stata spostata più in basso, nella chiesa di San Giovanni Battista in frazione Paschero, che rappresenta l’attuale concentrico di Stroppo. San Peyre è stato edificato in un arco di tempo che va dal XII al XIII secolo e rappresenta pertanto, insieme al San Salvatore di Macra, uno degli edifici sacri più antichi della valle. La costruzione è caratterizzata da una semplice facciata a capanna, col tetto in ardesia sormontato da un piccolo campanile a vela. Sul fondo, nel recinto dell’antico cimitero, s’innalza il maestoso campanile gotico con la sua cuspide ottagonale e le bifore della cella campanaria. Appena entrati, si presentano al visitatore tre navate con diverse absidi e cappelle in cui confluiscono. L’opera di restauro condotta a più riprese fin dagli anni ’50 con la supervisione della Sovrintendenza del Piemonte ha permesso di riportare in luce tutti gli affreschi, compresi quelli ricoperti di calce, e determinare con buona approssimazione, epoca e caratteristiche di esecuzione. Si è così giunti alla convinzione che siano stati quattro gli artisti anonimi che hanno operato a San Peyre. I dipinti più antichi sono nell’abside maggiore e risalgono alla seconda metà del XIV secolo.

Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente