La Guida - L'informazione quotidiana in Cuneo e provincia

Lunedì 26 luglio 2021

Accedi a LaGuida.it per leggere il giornale completo.

Non hai un accesso? Abbonati facilmente qui.

I sindacati e la problematica operazione di integrazione di Ubi nel sistema informatico e organizzativo di Intesa Sanpaolo

“La dedizione delle lavoratrici e lavoratori è stata fondamentale in questo delicato momento, nonostante la cronica carenza di organici da tempo denunciata, della mancanza di adeguata formazione e di una riorganizzazione aziendale”

La Guida - I sindacati e la problematica operazione di integrazione di Ubi nel sistema informatico e organizzativo di Intesa Sanpaolo

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa, firmato FABI-FIRST CISL – FISAC CGIL- UILCA UIL  insieme a RSA della provincia di Cuneo,  con gli aggiornamenti relativi all’integrazione di UBI in INTESA SANPAOLO.

Ancora solo parole dai vertici di Intesa sugli effetti della problematica operazione di integrazione di UBI nel sistema informatico e organizzativo di Intesa Sanpaolo.
Nella presentazione della nuova Banca dei Territori e nelle interviste sui quotidiani locali, il responsabile, Dr. Barrese, ha parlato “di problemi tecnici per lo più risolti o in fase di risoluzione”.
Nel prendere atto che l’azienda finalmente riconosca l’esistenza di “problemi” che fino a pochi giorni fa erano stati ignorati o minimizzati, ribadiamo con forza che è solo grazie al grande impegno di TUTTI i dipendenti di Intesa, vecchi e nuovi, se tali inconvenienti hanno avuto un impatto contenuto nei confronti della clientela.
È doveroso ricordare, relativamente al personale rinveniente da Ubi, che l’azienda dichiarò nel corso della trattativa di fusione, che i problemi erano “perlopiù” dovuti alla loro individuale “resistenza al cambiamento”! Sosteniamo che la dedizione delle lavoratrici e lavoratori è stata fondamentale in questo delicato momento, nonostante la cronica carenza di organici da tempo denunciata, della mancanza di adeguata formazione, di una riorganizzazione aziendale avvenuta in simultanea con la fusione del gruppo Ubi in ISP, nonché del clima lavorativo “pesante”, caratterizzato da pressioni commerciali non più sostenibili, per il quale registriamo la recente brusca interruzione della trattativa che denota una diversità di vedute estremamente ampia tra Azienda e OOSS.
L’Azienda continua a sottovalutare anche la grave situazione di emergenza sanitaria legata al COVID-19 in cui si è svolta l’operazione di integrazione/riorganizzazione Intesa Sanpaolo – UBI, mentre invece continua ad incrementare i budget di vendita incurante delle modalità e delle condizioni in cui i colleghi stanno operando, che provocano spesso effetti gravi dal punto di vista psicologico, con un preoccupante aumento dei casi di malattia ed addirittura dimissioni.
I problemi sono ben lungi dall’essere risolti: come, ad esempio, lo strategico settore dell’Agribusiness di recente costituzione, ancora frenato dalla mancanza di organici e dalla mancanza di adeguata formazione.
Per dare risposte che colleghe e colleghi tutti si attendono, occorrono FATTI… le belle parole non bastano!
Leggimi la notizia!

La Guida - testata d’informazione in Cuneo e provincia

Direttore responsabile Ezio Bernardi / Editrice LGEditoriale s.r.l. / Concessionaria per la pubblicità Media L.G. s.r.l.

Sede legale: via Antonio Bono, 5 - 12100 Cuneo / 0171 447111 / info@laguida.it / C.F. e P.IVA: 03505070049
Aut. Tribunale di Cuneo del 31-05-1948 n.12. Iscrizione ROC n. 23765 del 26-08-2013

La Guida percepisce i contributi pubblici all’editoria previsti dalle leggi nazionali e regionali.
La Guida, tramite la Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), ha aderito allo IAP (Istituto dell’Autodisciplina Pubblicitaria) accettando il Codice di Autodisciplina della Comunicazione Commerciale.

Privacy Policy Amministrazione trasparente